San Vito. Mille km sugli sci da fondo in nome della dignità dei maiali

Eleonora Orlandi ed Esther Kef partiranno da Chiappera per arrivare a Cortina. «Milioni di animali non vedono mai la luce del giorno prima di essere macellati»

SAN VITO. Mille chilometri sugli sci da fondo per sensibilizzare le persone sulle condizioni disumane di vita dei maiali negli allevamenti intensivi. Partirà domani lo “Skiing for pigs challenge”, la spedizione che prevede per le due protagoniste (Eleonora Orlandi, pilota d’aereo nata a Venezia, ed Esther Kef, fondatrice di diventapilota. it, nata in Olanda) una sciata lunga 1000 chilometri da effettuare in 35 giorni sulle Alpi. Le due intrepide fondiste, compagne d’avventura ma anche nella vita, residenti a San Vito, partiranno da Chiappera, in provincia di Cuneo, e arriveranno il primo marzo a Cortina, a Fiames. Proveranno a fare 1000 chilometri in stile classico sulle piste della Valle d’Aosta, del Piemonte, della Lombardia e del Veneto in più di 40 aeree sciistiche diverse.

«Lo scopo di questo ski challenge, che non è mai stato fatto», raccontano Eleonora ed Esther, «è quello di sensibilizzare il pubblico sul benessere degli animali e, in particolare, il benessere di milioni di maiali che non vedono mai la luce del giorno. Ci portiamo Mirko, la nostra mascotte a forma di maiale, ogni km del tour, per dimostrare che i maiali hanno bisogno di aria fresca».


Da cosa nasce l’idea di questo tour?

«Abbiamo visto immagini sconvolgenti di come vengono trattati i maiali in alcuni allevamenti e abbiamo deciso di fare qualcosa per loro. Abbiamo scelto di farlo in Italia, sia perché siamo residenti a San Vito e sia anche perché molti italiani pensano che i maiali vivono felicemente nel nostro bellissimo paese prima di finire in salumi, prosciutti e mortadella. Invece la realtà e molto diversa. La maggior parte della carne suina venduta nei supermercati italiani proviene dalla Germania, Danimarca e dall’Olanda, dove i maiali vivono in condizioni orribili. Con la nostra attraversata delle Alpi sugli sci vogliamo rendere il consumatore consapevole di questo e promuovere prodotti locali che spesso offrono migliori condizioni per chi alleva gli animali. I maiali sono animali intelligenti e socievoli e bisogna evitare loro violenze».

Voi siete vegetariane?

«No. Non siamo né vegetariane, né fanatiche. Ma vogliamo spiegare che si possono acquistare carni allevate dove gli animali non vengono fatti soffrire. Ci sta a cuore il maiale, animale che è fra quelli trattati peggio al mondo, soprattutto in Olanda».

Il tour servirà anche a raccogliere fondi per aiutare i maiali?

«Sì e a tal proposito siamo già molto soddisfatte. Abbiamo già raccolto oltre 1. 800 euro ancora prima di partire. I proventi li useremo per realizzare un documentario sulla vita dei maiali, per fornire informazioni corrette alle persone. Abbiamo già una collaborazione con l’associazione Bagus per mostrare il documentario nelle scuole, per far capire anche ai bambini l’importanza del rispetto verso gli animali».

Il fine tour a Cortina...

«Arriveremo a Fiames il primo marzo e ci auguriamo che sia una gran bella festa. Abbiamo provato a coinvolgere Cortina Marketing e speriamo che ad accoglierci siano in tanti».

Tutti coloro che vogliono seguire Esther ed Eleonora nel loro tour possono iscriversi alla pagine Facebook “Skiing for pigs” dove le due sciatrici aggiorneranno i fans durante l’attraversamento delle Alpi. —


 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi