Tassa di soggiorno: pagamenti a settembre

La giunta vara un primo aiuto pro aziende turistiche La cooperativa Scs Cadore intanto lavora già per l’estate

AURONZO

La giunta comunale di Auronzo, nella seduta tenutasi ieri mattina in videoconferenza, ha deciso di adottare una prima misura urgente a favore delle aziende turistiche operanti sul territorio: rinviato al 30 settembre il pagamento della prima rata della tassa di soggiorno dell’anno 2020, inizialmente prevista al 30 aprile. La giunta capitanata da Tatiana Pais Becher offre nello specifico la possibilità ai titolari di strutture ricettive di posticipare di cinque mesi il pagamento dell’imposta di soggiorno, almeno per quanto riguarda la prima rata.


«Una misura immediata», ha sottolineato il sindaco, «su cui gettare le basi per un rilancio dell’immagine del paese che, nella stagione invernale conclusasi anticipatamente, faceva registrare un trend positivo. Alberghi e strutture ricettive extra alberghiere, come b&b e appartamenti ad uso turistico, hanno già visto andare in fumo centinaia di prenotazioni da quando è iniziata l’emergenza. Lavoreremo urgentemente per arrivare ad una normalizzazione e non correre il rischio di vedere affondare un settore che rappresenta il volano principale per l’economia di Auronzo e Misurina».

Proprio il settore turistico risulta infatti tra i più colpiti: azzerate in pochi giorni le prenotazioni previste per le vacanze di Pasqua.

Nel frattempo, però, proprio ad Auronzo c’è chi prova a non perdersi d’animo.

È la cooperativa Cadore Scs, che dalla scorsa estate ha preso in gestione, con contratto in essere fino all’estate del 2021, gli uffici turistici di Auronzo e Misurina.

«Stiamo lavorando da casa senza un attimo di tregua per farci trovare pronti nel momento in cui l’emergenza sanitaria sarà rientrata», fa sapere la responsabile del servizio Eleonora Cesco Gaspere, «stiamo preparando il materiale informativo ed abbiamo già predisposto un piano di aperture al pubblico dei nostri uffici».

La stessa cooperativa aveva già stabilito le linee guida per l’estate 2020: servizio di front office settimanale di 24 ore con maggiore attenzione rivolta al fine settimana nella prima parte della bella stagione, trasformando l’apertura in quotidiana, sette giorni su sette nel periodo clou.

«Dal 15 giugno al 15 settembre aggiungeremmo l’apertura dell’ufficio di Misurina», conclude Eleonora Cesco Gaspere, utilizzando il condizionale alla luce della situazione attuale. A proposito di cooperativa Cadore Scs, confermato anche per l’estate 2021 il servizio di gestione del casello della strada delle Tre Cime nel rispetto del contratto in essere. Tre le figure professionali impiegate nell’area quotidianamente, «una in maniera fissa», spiega la responsabile del settore turismo della cooperativa che ha sede a Pieve, «e due in grado di coprire i turni, mattutino e pomeridiano». –

gianluca de rosa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi