Prosegue la consegna delle mascherine nelle case dei residenti

Il sindaco Casagrande illustra anche le modalità previste per l’ottenimento del contributo da parte di chi è in difficoltà

PIEVE DI CADORE

Per ottenere le mascherine fornite dalla Regione, a Pieve di Cadore occorre rivolgersi al numero telefonico 0435480251: saranno poi consegnate a domicilio. Lo rende noto il sindaco Casagrande con un avviso pubblicato sul sito e sulla pagina Facebook del Comune. Dopo aver terminato la distribuzione casa per casa delle mascherine, ne resterà ancora una scorta che sarà messa a disposizione di chi ne avrà bisogno. Nello stesso avviso sono contenute anche le norme per il corretto utilizzo dei presidi sanitari. «Queste mascherine», afferma il sindaco, «rappresentano un aiuto per impedire la propagazione del virus perché servono per trattenere le goccioline di saliva; sono strettamente personali. È fondamentale indossarle quando si fa la spesa e quando si viene a contatto con altre persone al di fuori del nucleo familiare. Le mascherine devono essere applicate e rimosse con le mani pulite ed è opportuno ricordare che anche con la mascherina vanno rispettate le distanze tra le persone. Alla fine del loro utilizzo, le mascherine vanno gettate nel secco non riciclabile e il contenitore dovrà andare allo smaltimento dopo almeno 15 giorni».


Il sindaco Casagrande spiega anche le ultime disposizioni riguardanti il contributo alimentare per le persone e le famiglie residenti nel Comune di Pieve e che, a causa degli effetti economici derivanti dall’emergenza sanutaria, si trovano oggi in uno stato di bisogno e non riescono a soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali. Costoro possono contattare i Servizi sociali al telefono 0435/341533 oppure scrivere alla mail: chiara.egitto@aulss1. veneto. it.

Per ottenere l’aiuto economico per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessita è necessario compilare la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà scaricabile dal sito comunale www. comune.pievedicadore.bl.it.

La domanda-dichiarazione deve essere inoltrata al Comune di Pieve attraverso queste e-mail: chiara. egitto@aulss1. veneto. it oppure: segr. pieve@cmcs. it.

Chi non è dotato di stampante, per evitare di uscire di casa può telefonare al numero 0435/341533, al quale si può chiedere che il modulo gli venga consegnato a domicilio. Al momento della consegna l’incaricato fornirà le indicazioni sul come farlo arrivare in Comune.

Alle famiglie aventi diritto saranno assegnati buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari o prodotti di prima necessità come farmaci, pannolini, pannoloni per anziani, prodotti per celiaci. Non sono acquistabili, invece, alcoolici, prodotti per animali, sigarette, gratta e vinci, cosmetici, generi di lusso e arredamenti per la casa. —

vittore doro

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi