Contenuto riservato agli abbonati

Sinteco, fabbrica e dipendenti sono al sicuro: «Il lavoro? Stiamo smaltendo gli ordini presi»

Il general manager dell’azienda longaronese soddisfatto per la reazione avuta dopo l’emergenza: «Ma preoccupa il blocco dei viaggi all’estero» 

L’intervista

«Ci vorranno almeno due o tre mesi per capire come si svilupperà questo anno, per ora comunque possiamo dirci abbastanza soddisfatti».


Perché? Lo chiediamo a Stefano Giacomelli, general manager della Sinteco di Longarone, all’inizio di questa fase 2. «La nostra è una produzione particolare, lavoriamo su commessa e quindi andiamo per inerzia. Da quando si firma un contratto alla consegna delle nostre macchine passano, infatti, anche 9-12 mesi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi