Troppe prescrizioni: niente Giro delle Mura e arrivederci al 2021

Anche l’ultima grande manifestazione dell’estate feltrina alza bandiera bianca per la prima volta dopo 32 anni 

FELTRE

Anche il Giro delle mura è costretto a fermarsi, per la prima volta in trentadue anni. L’edizione 2020, la numero trentadue, non si farà a causa dell’emergenza coronavirus. Tutto rinviato al 2021. La comunicazione ufficiale dell’annullamento è arrivata ieri dal consiglio dell’associazione presieduta da Gianpietro Slongo, organizzatore della manifestazione di fine agosto che allo sport unisce la solidarietà. La proroga delle misure sull’emergenza coronavirus non hanno lasciato alternative. Sono evidentemente troppe le prescrizioni per gli eventi che raccolgono grande pubblico e non ci sono le condizioni perché possa essere la consueta festa.


Il consiglio del Giro delle mura città di Feltre, «visto il prolungarsi dell’emergenza sanitaria relativa al Covid-19, tenendo presente il senso di responsabilità e attenzione alla salute pubblica, ha deciso di rinviare al 2021 le ormai tradizionali manifestazioni podistiche previste nel mese di agosto». Recita così il comunicato ufficiale dell’associazione, che invita amatori, top runner e pubblico per l’anno prossimo. «Ci rivedremo tutti, podisti e non podisti, camminatori e appassionati di paesaggio, nel 2021 per condividere insieme momenti di corsa e spettacolo e ripartire con lo sport».

Appuntamento quindi fissato per venerdì 27 agosto 2021 con la gara Urban trail per scoprire angoli nascosti di Feltre e sabato 28 agosto per correre a perdifiato, insieme a grandi atleti di fama mondiale che renderanno merito alla trentaduesima edizione. Dopo la 24 ore Castelli e la Granfondo Sportful di ciclismo, la Mostra dell’artigianato e il Palio, deve dare forfait anche il Giro delle mura, che era in programma venerdì 28 agosto con la Urban trail, la cena solidale in piazza Isola, Sport sotto le stelle e il giro interforze, e sabato 29 con la giornata clou di gare. Dagli amatori fino ai campioni della staffetta Seven laps e della gara internazionale in notturna di corsa su strada, passando per i giovanissimi del Miglio dei Comuni e il campionato europeo dei Vigili del fuoco, è un appuntamento per oltre mille corridori in due giorni.

Grandi numeri, un esercito di volontari dietro le quinte e un ritorno per la città. «L’evento è fatto per la gente, non è fatto per noi. Verrebbe a mancare lo spirito della festa della città», commenta il presidente dell’associazione Giro delle mura città di Feltre Gianpietro Slongo. «Ci abbiamo sperato fino all’ultimo momento. Visto che la manifestazione è a fine agosto, abbiamo aspettato, però non ci sono le condizioni. Dispiace, ma rispettiamo tutto e tutti. Torneremo con rinnovato entusiasmo l’anno prossimo». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi