Un’estate di lavori e la media Nievo ha un nuovo look

Protagonisti genitori, ragazzi e il comitato Vivi Cavarzano. La scuola rivive con aule più funzionali e tanti colori  

BELLUNO

Un vero e proprio lifting alla scuola media Nievo di Cavarzano grazie al lavoro e all’entusiasmo della dirigente Bruna Codogno, del Consiglio dei ragazzi, del Comitato genitori e di Vivi Cavarzano. L’operazione, iniziata a giugno, ha donato un nuovo look sia all’interno che all’esterno dell’istituto.


Nei week end hanno lavorato a turno 30 studenti e una decina di genitori. Gli adulti si sono dedicati perlopiù alla tinteggiatura delle pareti, mentre i ragazzi, sotto la supervisione del presidente del comitato degli studenti Mario Steccazzini, hanno ripassato le porte, dipingendole di vari colori. Tanto l’entusiasmo da parte dei ragazzi: «Qualcuno di noi ha preferito rinunciare al mare per dare una mano, abbiamo creato un bel gruppo dove si ride e si scherza, siamo una grande famiglia», dice Steccazzini, che a settembre si iscriverà al Liceo scientifico. Finora sono stati spesi 13 mila euro.

gli interni

«Dal 1996 la scuola non veniva tinteggiata», ha spiegato Elisa Bonenti, tesoriera del Comitato genitori della Nievo, capitanato da Giorgia Follin (segretaria è Elisa De Nard. «L’istituto necessitava di un intervento di imbiancatura, ma anche di una profonda igienizzazione vista l’emergenza Covid. Così, stimolati dalla dirigente, abbiamo iniziato a pensare a come abbellire il luogo in cui vanno a scuola i nostri figli. Grazie all’aiuto di Valentina Tessari di Bortoluzzi Arredamenti abbiamo messo in campo un progetto vero e proprio».

Niente aiuti dal comune

Progetto che è stato presentato al Comune di Belluno a febbraio, all’interno dell’iniziativa “Voglio diventare grande”, progetto che è stato in seguito rivisto in base alle mutate esigenze. «Abbiamo cercato di coinvolgere l’amministrazione, ma non abbiamo avuto riscontri. Sappiamo che la burocrazia è tanta e che i tempi di risposta del pubblico sono lenti, ma pensavamo che qualcuno ci rispondesse», precisano i genitori, che non si sono scoraggiati. Così, dopo essersi rimboccati le maniche, hanno iniziato il lavoro di restyling.

i lavori

Il leit motiv sono le stagioni. «Siamo partiti dall’ultimo piano che, secondo il nostro progetto, rappresenta l’autunno. Per questo motivo è stato dipinto con colori caldi quali il giallo e il rosso. In questo piano, che era messo un po’ peggio, abbiamo ricavato nuovi spazi nei corridoi per sistemare, in caso di bisogno, i ragazzi», spiega Tessari. «Qui abbiamo realizzato anche una gradinata che doteremo di cuscini, dove i ragazzi potranno rilassarsi ma anche seguire determinate lezioni. Poi abbiamo reso riconoscibili gli spazi dei ragazzi incorniciandoli con il colore che li caratterizza. Lungo il corridoio dove si aprono le classi, infine, verrà posta una panchina ondulata che potrà essere utilizzata a seconda delle necessità».

Al primo piano il tema dominante è la primavera con il colore azzurro: «Tra i tanti lavori eseguiti», precisa la preside, «abbiamo trasformato l’atrio in una grande aula per il relax, ma anche per le lezioni dei ragazzi. Resta da capire cosa fare del pian terreno, ora che i soldi sono finiti». Proprio per la raccolta di nuovi fondi, il gruppo di lavoro ha messo in piedi l’iniziativa “Lista di nozze per le Nievo”: chi vuole, potrà donare dei soldi o acquistare quello che serve per ultimare il progetto.

Le panchine all’esterno

Il lavoro ha riguardato anche gli spazi esterni della struttura. Sono state acquistate alcune panchine per un valore di 6.500 euro: mille euro sono stati messi dal consiglio degli studenti, altri mille dal comitato Vivi Cavarzano guidato da Luigino Dal Molin, una parte dal gruppo dei genitori e il resto dalla scuola. «L’idea è di metterne altre», conclude Codogno, «così da rendere fruibile anche questo spazio esterno per fare delle lezioni. Stiamo anche pensando di collocarvi delle piante per rendere il tutto più accogliente». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi