Da oggi tamponi drive-in a Feltre senza bisogno di prenotare

In un giorno gestite dall’Usl 2500 telefonate e mail. Rinforzata l’Unità di crisi della prevenzione

C’è un nuovo positivo a Belluno: un ragazzo che era appena rientrato da una vacanza in Croazia. Per i suoi amici e compagni di viaggio, che erano comunque già in autoisolamento dopo il rientro in Veneto, è stata disposta la quarantena.

È il problema dei rientri dall’estero e in particolare da Croazia, Grecia, Spagna e Malta, il tema del giorno.


Nella sola giornata di giovedì, appena diffusa la notizia dell’obbligo del tampone per coloro che rientrano da questi quattro Paesi, sono arrivate alla Usl di Belluno, via mail e telefono, 2500 richieste di prenotazioni di tamponi e di informazioni. Una giornata di caos, di superlavoro, di riorganizzazione di ferie e riposi nella Usl di Belluno per far fronte alle novità arrivate dal ministero a due giorni dal Ferragosto.

Il direttore del Dipartimento di prevenzione, Cinquetti, ha preso di petto la questione e insieme con il personale dell’Usl ha predisposto un piano “di battaglia”. E così da questa mattina coloro che rientrano da Spagna, Croazia, Grecia e Malta e hanno fretta di eseguire il tampone, possono recarsi dalle 7 alle 13 senza bisogno di prendere appuntamento, in via Borgo Ruga a Feltre, sede del Dipartimento di prevenzione. Qui i tamponi verranno eseguiti nella modalità drive - in, quindi restando in macchina, senza problemi di contatti e di conseguenti contagi.

Dalle 12 alle 13 ci sarà anche un infermiere esperto per fare tamponi ai bambini.

Si comincia già oggi ed è stato interessato per questo anche il Comune di Feltre, che ha messo in campo i vigili per regolare la viabilità di accesso al luogo in cui vengono eseguiti i tamponi. Si entra dalla Panoramica, si danno i propri dati e il Paese da cui si proviene e in pochi minuti il tampone viene effettuato. La risposta arriverà entro le 48 ore. Sarà un super lavoro in questi giorni di Ferragosto non solo per il personale che si occupa di fare i tamponi ma anche per i laboratori che li devono processare per ottenere il risultato.

Questa modalità, quindi senza prenotazione, viene fatta solo a Feltre. Chi invece vuole recarsi in ospedale a Belluno, deve prenotarsi alla mail covid 19@aulss1.veneto.it, indicando i propri dati, il recapito telefonico, il giorno e l’ora dell’arrivo in Italia, il Paese estero di provenienza e il mezzo utilizzato per tornare nel Bellunese. Si può anche telefonare al numero 0437 514343, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Potrebbe però essere complicato prendere la linea.

Il motivo per cui all’ospedale di Belluno non si può fare come a Feltre (cioè senza prenotazione e in modalità drive in) è dato dal fatto che all’ospedale di Belluno, sempre con lo stesso sistema del drive in, sono in corso molte altre vaccinazioni, da quelle dei bambini a quelle per la Tbe, tutte già programmate e praticamente impossibili da modificare, visto che coinvolgono centinaia di persone (una vaccinazione ogni tre minuti). Per questi motivi chi vuole andare all’ospedale di Belluno deve prenotare. Il tampone verrà poi eseguito o nelle tende allestite all’esterno dell’ospedale o negli ambulatori. Di fronte alla massa di telefonate e di mail arrivate, l’Unità di crisi del Dipartimento di prevenzione è stata potenziata.

Secondo il bollettino diffuso ieri sera dall’Azienda Zero, i positivi nel Bellunese sono 16, con il totale arrivato a 1220. Sempre secondo il bollettino regionale, le persone in isolamento domiciliare nel Bellunese sono 224.

Per quanto riguarda i positivi, oltre al giovane arrivato dalla Croazia e rilevato ieri dal laboratorio dell’Usl, ci sono i due giovani che erano stati in vacanza a Malta, una persona arrivata dalla Macedonia, un altro turista di rientro da Madrid, due kosovari tornati a Belluno dal loro Paese. Questi ultimi erano già in isolamento a causa del rientro dall’estero. Tutte positività arrivate da altri Paesi. —
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi