Rsa Cortina, cinque ospiti positivi: gli anziani ricoverati al San Martino

Nella struttura ampezzana sono state sospese tutte le visite dei parenti

BELLUNO

Torna l’incubo contagi nelle case di riposo. Ieri sono stati trovati positivi cinque ospiti della struttura per anziani di Cortina. I pazienti sono stati trasferiti per precauzione nel reparto di Malattie Infettive del San Martino. Ieri sono stati eseguiti i tamponi di controllo agli ospiti e al personale i cui risultati determineranno eventuali ulteriori interventi di isolamento dei soggetti positivi. Sospese tutte le visite dei parenti.


«I cinque anziani trovati positivi non hanno ad oggi grandi sintomi del virus», precisa l’amministratore unico della struttura cortinese Paolo Stocco. «Sono partiti tutti i controlli tra il personale, che già viene periodicamente sottoposto a tampone: il 25 settembre tutti sono risultati negativi. I test sono stati ripetuti il 29 settembre e venerdì e ora attendiamo gli esiti». «L’Usl», aggiunge Stocco, «ci ha rifornito di tamponi rapidi e altri test li abbiamo ordinati noi. Quello che constatiamo è la contagiosità incredibile di questo virus. Presto riattrezzeremo l’ex centro diurno come area di isolamento». Salgono a 11 i ricoverati in Malattie infettive a Belluno.

Il focolaio del Comelico

Dopo i 43 positivi riscontrati nella sola giornata di venerdì (18 sono collegati al focolaio del Comelico), ieri non ci sono stati altri casi. E questo è salutato con favore da parte dei sindaci della valle. «Sta calando il numero e questo ci fa piacere», precisa il sindaco di San Pietro, Manuel Casanova Consier. «E da quello che sappiamo i casi positivi sono afferenti a persone già in quarantena in quanto contatti di caso». Intanto una classe dell’asilo di San Nicolò Comelico è stata chiusa per la presenza di una bambina positiva ma residente nel comune di Santo Stefano. «La classe è in quarantena», precisa il sindaco Giancarlo Ianese, «speriamo che non ci siano altri positivi. Qui siamo Covid free, ma la settimana scorsa ho invitato tutti a portare le mascherine anche nelle aree al’aperto». Oggi a Tai di Cadore si svolgerà un drive-in aggiuntivo per l’esecuzione del test per i contatti delle nuove positività emerse l’altro ieri.

I testi antigeniciper le scuole

L’utilizzo del test antigenico rapido per i soggetti sintomatici della scuola sarà esteso a partire da domani anche al drive-in di Caprile (accesso libero dalle 17 alle 19 il lunedì, mercoledì e venerdì) e da mercoledì a quello di Belluno, che da domani sarà dislocato in via Meassa a Sagrogna dalle 8,30 alle 12.30. Il drive-in di Feltre sarà operativo tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e quello di Tai dalle 17 alle 19 il martedì, giovedì e sabato. Ieri, intanto, pur con orario ridotto per l’allerta maltempo, i drive-in tampone di Belluno e di Feltre hanno eseguito rispettivamente 87 e 73 test.

Le vaccinazioni

Domani partiranno anche le vaccinazioni antinfluenzali per i soggetti di età compresa tra i 60 e i 64 anni che in provincia ammontano a 13.500. Queste persone sono state invitate alla vaccinazione con lettera personale e con appuntamento. In caso non si possa rispettare l’appuntamento, è possibile accedere a una delle sedute di recupero previste per novembre o scrivere a: vaccinazioni.bl@aulss1.veneto.it. —




 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi