Violenza sessuale su minore: finisce in carcere

Leonardo De Lorenci deve scontare due anni e due mesi per un episodio del 2016. L’indagine del Nucleo dei carabinieri

BELLUNO. Arrestato e portato a Baldenich il molestatore di una minorenne, condannato a due anni e due mesi di reclusione.

I carabinieri del nucleo investigativo di Belluno avevano svolto le indagini che hanno portato al processo dell’uomo, un 45enne di origine croata che vive in Alpago: e giovedì sono riusciti a rintracciarlo e a portarlo in carcere.


Un’altra positiva attività del nucleo investigativo di Belluno nelle “violenze di genere”: nucleo diretto dal tenente colonnello Marco Stabile, nel quale opera un team specializzato contro la violenza sulle donne e di genere in generale.

Nella giornata di giovedì l’uomo è stato rintracciato ed arrestato: si tratta di Leonardo Delorenci, 45enne residente a Farra d’Alpago, che doveva scontare la pena di 2 anni e 2 mesi di reclusione per il reato di violenza sessuale e molestia nei confronti di una minorenne. Un processo che si è celebrato dal 2018 in poi, per fatti che risalgono al 2016: il provvedimento è la conclusione dell’attività di indagine dei carabinieri del nucleo investigativo che ha consentito alla magistratura bellunese di giudicare e condannare il soggetto ad una pena importante.

L’episodio è avvenuto quattro anni fa, quando l’uomo e la ragazza minorenne si incontrarono alla stazione di Treviso, in attesa del treno per Feltre.

Delorenci avrebbe avvicinato la ragazza, domandandole di poter ascoltare la musica che lei stava sentendo nelle cuffie. Insomma i due si sedettero vicini in treno, in mezzo ad altri passeggeri, scambiarono delle parole: poi a un certo punto l’uomo avrebbe fatto delle avances abbastanza esplicite alla ragazza. Fino alla richiesta continua ed esplicita di avere rapporti sessuali.

Le avrebbe preso prima un braccio, poi massaggiato un piede, poi in una galleria avrebbe osato maggiormente fino a toccarla ripetutamente e a molestarla con quelle continue ed esplicite richieste di rapporti sessuali. La ragazza raccontò tutto agli inquirenti, anche che gli altri passeggeri del convoglio non erano intervenuti in sua difesa.

L’indagine del nucleo investigativo dei carabinieri ha fatto luce e incardinato i fatti in accuse ben precise nei confronti dell’uomo che, alla fine, è stato condannato dal tribunale.

Giovedì, dopo le formalità di rito Delorenci è stato trasferito nel carcere di Baldenich. Non era la prima volta che varcava la porta di una cella: nel 2016 fu fermato a Puos in quanto all’epoca era stato espulso dal territorio nazionale. —
 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi