Contenuto riservato agli abbonati

Dmo: «Tempi ristretti e zero personale realizzare di più era impossibile»

L’amministratore unico Alessandra Magagnin rilancia sui ritardi: «Ben venga l’azione della Provincia»

BELLUNO

«Ce la stiamo mettendo tutta, ma nessuno di noi ha la bacchetta magica». Alessandra Magagnin, amministratore unico del Consorzio Dmo da poco più di un anno, farà parte del team creato dalla Provincia per dare un nuovo slancio al progetto di marketing territoriale elaborato da Eurac nel 2017 e che doveva concludersi a fine 2020. Nei giorni scorsi il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha spiegato perché si è deciso di premere sull’acceleratore e oggi Magagnin torna su quell’intervista analizzando le difficoltà incontrate dalla Dmo.


«Senza una struttura e con pochissimo tempo a disposizione, secondo me la Dmo ha già fatto dei miracoli.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Milano, cariche alla manifestazione no green pass, il poliziotto urla alla manifestante: "Il corteo è chiuso andate a casa!"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi