Gregor Gombac stabile ma sempre gravissimo

Il 24enne di Cortina, precipitato in un canale a Cima Ra Zesta, è stato operato al capo per ridurre un grosso ematoma

Cortina

Gregor Gombac lotta fra la vita e la morte all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Il 24enne alpinista di Cortina è ricoverato nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale trevigiano, dove i medici attendono di capire come il suo corpo reagirà all’intervento chirurgico effettuato sabato sera, d’urgenza, per ridurre l’ematoma al capo che il giovane si è procurato precipitando in un canale durante un’arrampicata a Cima Ra Zesta.


L’intervento è riuscito e le condizioni del ragazzo ieri sera erano stabili. Gregor Gombac è in coma, per il momento i medici escludono ulteriori interventi chirurgici. Si attende che il suo corpo, giovane e atletico, reagisca alle cure.

L’incidente in montagna che ha portato il ragazzo in ospedale è successo sabato mattina attorno alle 9. Gregor Gombac era partito con l’amico Pietro per affrontare la scalata alla Cima Ra Zesta, a Cortina, a quota 2.768 metri. I due giovani avevano iniziato la salita dal versante nord, attrezzati con tutto quello che poteva servire per un’arrampicata fra la neve e il ghiaccio.

Gombac era primo di cordata, con ramponi e piccozza, e si trovava una trentina di metri più in alto rispetto al compagno. All’improvviso il 24enne è scivolato, e nella rovinosa caduta ha strappato tutte le protezioni, compresa la sosta in cui si trovava con l’amico. Insieme sono ruzzolati per diverse decine di metri in un canale.

Pietro non ha riportato conseguenze gravi, ed è stato lui a chiamare i soccorsi. L’elicottero è subito decollato da Pieve di Cadore ed è volato a Cima Ra Zesta, con un verricello sono stati calati il tecnico di elisoccorso e il personale medico, che hanno prestato le prime cure al 24enne, allenatore di fondo dello Sci club Cortina e di biathlon anche per il comitato veneto della Fisi. Le condizioni del giovane sono apparse subito gravi: Gombac era privo di sensi quando è stato raggiunto dai medici, e nella caduta si era procurato un grave politrauma con interessamento del capo, degli arti e del torace.

Imbarellato, Gombac è stato trasportato al Ca’ Foncello di Treviso, dove sabato sera è stato sottoposto ad un delicato intervento per ridurre l’ematoma alla testa. Sedato, è ricoverato in Terapia intensiva, in condizioni stabili ma sempre molto gravi. —



Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi