Dal Fiorentina arriveranno lavori per 185 mila euro

Il consiglio di domani varerà l’operazione di potenziamento Si parlerà pure del palaghiaccio con il progetto strategico per la sua valorizzazione

ALLEGHE

Il potenziamento della centralina idroelettrica sul Fiorentina porterà in dote al Comune di Alleghe 185 mila euro di lavori nei prossimi anni.


Nel consiglio comunale, fissato dal sindaco Danilo De Toni per domani alle 20, si approverà infatti un accordo bonario per la costituzione di diritto di sottosuolo a favore della società “Idroelettrica alpina srl” per la realizzazione e l’esercizio di un impianto idroelettrico.

«La società in questione», spiega De Toni, « è già in possesso dell’autorizzazione per il potenziamento dell’esistente impianto sul torrente Fiorentina data nel 2016 dalla Provincia dopo che, l’anno precedente, aveva ricevuto l’ok dalla Via regionale. Un impianto che interessa oltre che Alleghe, anche Selva di Cadore e Colle Santa Lucia e che, per quanto ci riguarda, insiste su terreni di uso civico. Per questo», continua De Toni, « la società ci riconoscerà 6600 euro l’anno per 25 anni. Inoltre ha deciso di sua spontanea volontà di garantire al Comune 185 mila euro per la realizzazione di lavori vari nel prossimo futuro».

Oltre che della centralina, nel consiglio si discuterà anche di variazioni al bilancio (la ratifica della 7ª, approvata dalla giunta relativa all’applicazione della quota di avanzo 2019, e l’approvazione dell’8ª). Verrà anche dato l’ok alla convenzione con l’Unione montana feltrina (che diventa soggetto attuatore) per la realizzazione del progetto strategico di ristrutturazione e valorizzazione del palaghiaccio. Un’operazione da 930 mila euro (fondi di confine) che prevede il rifacimento della piastra del ghiaccio che, fuori stagione, consentirà la pratica del basket e del tennis, lo spostamento del bar al piano terra (al suo posto una palestra per il fitness) e l’illuminazione a led.

«Tutto l’iter», dice De Toni, « passa in mano all’Um feltrina che darà l’incarico per la progettazione definitiva-esecutiva, seguirà l’appalto e la realizzazione dei lavori. Puntiamo a finire nel 2023».

Domani verrà inoltre approvato lo schema di contratto attuativo per gli edifici della scuola dell’infanzia e della palestra di Caprile nell’ambito del “Progetto 3l-less energy, less cost, less impact” promosso dalla Provincia di Padova. Verranno realizzati il cappotto e interventi contro la dispersione del calore. La seduta proseguirà con l’approvazione del nuovo regolamento di polizia mortuaria e dell’aggiornamento del regolamento edilizio comunale, con l’adesione alla convenzione Comuni del Veneto con meno di 5000 abitanti per la realizzazione di progetti per la trasformazione digitale della pubblica amministrazione e l’erogazione di servizi digitali ai cittadini e alle imprese. Infine verrà sciolta la convenzione con il Comune di Alpago per lo svolgimento in forma associata delle funzioni di segreteria.

«Purtroppo la segretaria Michela Scanferla va a Longarone», dice De Toni, «e la ringrazio per la serietà e la professionalità dimostrate. Ora dovremo cercare un segretario a scavalco». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi