Contenuto riservato agli abbonati

A Quero è scoppiato un focolaio: è positivo anche il parroco

La casa di riposo di Quero

E' stato proprio il sacerdote, ai vertici del consiglio, a dare notizia sui social del contagio e comunicando le misure che si stanno adottando

FELTRE. È rimasta sempre Covid free, la casa di riposo di Quero. Poi negli ultimi dieci giorni si è acceso un focolaio che ha coinvolto ospiti, dipendenti e anche il parroco don Alessio. Ed è proprio il sacerdote, ai vertici del consiglio, a dare comunicazione, dalla pagina Facebook della situazione che si è creata con l’ingresso del virus, imprevedibile e beffardo, considerate tutte le precauzioni adottate dalla direzione di Genesio Borsoi. «Per il momento la situazione è stabile e gli ospiti non presentano particolari sintomi gravi, nonostante siano abbastanza quelli positivi», scrive don Alessio.

«Verrà di nuovo fatto il tampone rapido, così avremo ulteriori aggiornamenti. Nei giorni scorsi con l’educatrice responsabile Covid di struttura e altri membri del personale, abbiamo modificato il piano di lavoro per seguire al meglio gli ospiti che, al momento, su indicazione dell’Usl, sono isolati nelle loro stanze. Ringrazio il personale per il lavoro straordinario che sta facendo e per la dedizione nei confronti degli ospiti anche in questo momento difficile». Anche un bar in centro a Quero è chiuso per Covid, come annunciato sui social.

Nelle altre rsa, la situazione è invece sotto controllo, confermano i responsabili di struttura. A Meano, pesantemente colpita dal virus, «la situazione è in progressivo lento miglioramento», dice la direttrice Manola Monaja. «Si registrano negativizzazioni sia degli ospiti che pian piano escono dalla zona Covid sia del personale che per fortuna al momento non è stato pesantemente intaccato. I dipendenti che avevano contratto il virus stanno rientrando. Ovviamente l’allerta è sempre massima, con tamponi ogni tre giorni».

Tutti negativi, sia anziani che operatori, alla casa di riposo Sant’Antonio di Alano di Piave dove, nei giorni scorsi, si è festeggiato un’ospite che ha compiuto 101 anni.

Per quanto riguarda Lamon, la presidente Donatella Boldo rassicura sul «mantenimento Covid free» della casa di riposo sull’altopiano. E la Soteria, diretta da Alessandra Pilotto, proclama ancora una volta l’assoluta «estraneità al virus».

Anche a Casa Kolbe di Pedavena, segnata dalla prima ondata di pandemia, è tornata la serenità. «A oggi tutti i nostri anziani stanno bene», dice la direttrice Roberta Bortoluz. —


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi