Aiuti a famiglie e associazioni in difficoltà Finanziati lavori per 1,7 milioni di euro

Va in consiglio l’ultima variazione al bilancio dell’anno. Olivotto: «Rispondiamo alle esigenze e progettiamo il futuro»

belluno

C’è attenzione per le famiglie, ma anche per tutte le associazioni sportive e culturali in difficoltà per la pandemia Coronavirus nella variazione al bilancio che sarà portata in consiglio comunale lunedì. Un atto con il quale il Comune, applicando l’avanzo di amministrazione, finanzia anche la realizzazione di opere pubbliche per 1,7 milioni di euro, alcune attese da tempo dai cittadini.


«Abbiamo avuto un occhio complessivo sulla città e cercato di rispondere alle esigenze che si manifestano anche alla luce della pandemia», spiega il vicesindaco e assessore al bilancio, Lucia Olivotto. «Ma abbiamo anche cercato di progettare il futuro, perchè speriamo che prima o poi si torni alla normalità».



Il Comune ha ricevuto 340 mila euro come acconto delle quote aggiuntive del fondo per le funzioni fondamentali. Soldi che serviranno per far fronte alle richieste di aiuto che arrivano da famiglie e associazioni. In variazione ci sono poi 170 mila euro arrivati dalla Regione per il servizio di trasporto pubblico locale (partita di giro) e 70 mila euro di proventi silvopastorali, derivanti dalla vendita del legname.

Si registrano poi minori entrate per proventi degli impianti sportivi (-16 mila euro), del Museo civico (-4.600 euro), dell’asilo nido (-4 mila euro), dell’imposta di soggiorno quarto trimestre (-23 mila euro), della Cosap (-30 mila euro).



Il Comune ha risparmiato 21 mila euro nell’appalto di sanificazione delle palestre, 80 mila sul personale perché il Covid ha bloccato i concorsi e quindi non sono state fatte assunzioni. Ma investe per aiutare tutti quei soggetti in difficoltà per la pandemia.

«Abbiamo inserito a bilancio 85 mila euro per spese sociali», continua il vicesindaco. «Di questi 70 mila euro saranno usati per l’emergenza in corso, per aiutare le famiglie con buoni spesa, pagamenti di affitti, o utenze. Riceviamo continue richieste in tal senso».

C’è attenzione anche per il mondo delle associazioni: saranno fatti due bandi per il mondo della cultura (60 mila euro) e dello sport (50 mila) per finanziare le associazioni che da marzo non possono più organizzare eventi e quindi continuare le loro attività. Alle associazioni che hanno sede in locali comunali, sono stati ridotti gli affitti (la spesa per Palazzo Rosso è di 2.500 euro).



Stanziati poi 20 mila euro per le manutenzioni del territorio in sussidiarietà: 5.000 euro andranno al Cai e altrettanti al Comitato Usi civici di Bolzano e Vezzano per la pulizia dei sentieri sulla Schiara; 10 mila euro alle associazioni e ai gruppi che hanno contribuito a sfalciare i sentieri sul Nevegal. Questi ultimi dovranno presentare domanda per vedersi riconoscere un contributo.

Inseriti a bilancio anche 20 mila euro per i gruppi di Protezione civile e 10 mila per quello comunale. Infine, sono stati aggiornati i contratti di servizio di Sersa e Sportivamente Belluno, che hanno sofferto di minori entrate e maggiori spese a causa del Covid: 317 mila euro sono stati stanziati per SB, 117 mila per Sersa.



Con 5 mila euro il Comune pulirà e tinteggerà l’interno di porta Dojona, per dare il suo contributo al progetto di riqualificazione promosso da un privato.

La corposa applicazione dell’avanzo di amministrazione permette di finanziare una serie di opere molto importanti, come l’adeguamento della casa di riposo (13 mila euro), manutenzioni dei cimiteri (100 mila) e dei marciapiedi (200 mila), il progetto di rigenerazione del Parco del Piave (225 mila euro di cofinanziamento), l’acquisto degli arredi per le scuole Gabelli (70 mila euro) e della Crepadona (156 mila euro), la realizzazione del parco di Chiesurazza (150 mila) e la nuova pista di atletica al Polisportivo (700 mila). Lavori per quasi 1,7 milioni di euro, che saranno effettuati il prossimo anno. —



Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi