Col Gallina, la seggiovia apre ma solo per gli atleti

Dopo passo Monte Croce Comelico altre società decidono il via libera ai tesserati. C’è l’obbligo di comunicare al Commissariato di Cortina i nomi per ogni sessione

 CORTINA. Prime piste aperte nelle Dolomiti: sul passo Monte Croce Comelico già da qualche giorno, e oggi apre anche la seggiovia Falzarego, a Col Gallina. L’impianto gestito dalla società Ista potrà essere usato solamente dagli atleti, i ragazzi degli Sci club, per i quali è prevista una deroga sulla pratica dello sci alpino.

«Non vediamo l’ora di partire con la stagione invernale e aprire al pubblico, appena ci sarà consentito», commentano dalla società presieduta da Alberto Dimai, «ma siamo quasi emozionati nel dirvi che da oggi la seggiovia triposto del Col Gallina sarà aperta e a disposizione, anche se solamente degli atleti di interesse nazionale».


La società di impianti a fune precisa anche i termini per servirsi della struttura: «L’utilizzo dell’impianto e delle relative piste è riservato per gli allenamenti disposti e organizzati dalle singole società sportive e associazioni, in ottemperanza del Dpcm e delle delibere della Federazione italiana sport invernali».
 

Le prenotazioni per l’uso della pista vanno fatte entro le 12 del giorno precedente, attraverso il portale gestionepiste.impianticortina.it e saranno vagliate dalla società che «a suo insindacabile giudizio» deciderà se confermare o rifiutare la richiesta.

Per le prime due giornate, di oggi e domani, l’utilizzo dell’impianto è riservato agli atleti di interesse nazionale, in particolare alle categorie U18 Aspiranti, U21 Juniores, Seniores, Master D femminile, Master A maschile.

Altre disposizioni sono già state previste per i giorni successivi, da lunedì in poi. Sono comunque previste tre linee di allenamento, predisposte sul colle a 2.000 metri, a ridosso del passo Falzarego. La giornata sarà suddivisa in tre fasce orarie, (dalle 8 alle 10.30; dalle 11 alle 13.30 e dalle 14 alle 16.30) intervallate da una interruzione di 30 minuti, per gestire i flussi degli sciatori, in entrata e in uscita. Lo skipass sarà proposto alla tariffa unica di 20 euro, per la sessione di due ore e mezza; la tariffa è scontata a 10 euro per gli allenatori.

La presenza massima istantanea, su impianto e pista, è fissata a sessanta persone. C’è inoltre l’obbligo della società di comunicare al commissariato di Cortina i nominativi di tutti gli atleti e allenatori presenti, per ogni sessione di allenamento.

Gli Sci club dovranno invece attenersi alle norme anti-contagio. Ieri mattina i cannoni per creare neve programmata erano in azione e gli addetti sono stati impegnati a preparare al meglio la pista che da oggi potrà essere solcata solo dagli atleti. Si lavora anche in Faloria dove il 12 dicembre si terrà la tappa di Coppa del mondo di Snowboard. La gara sarà a porte chiuse e saliranno in funivia solo atleti e staff tecnico; la prova verrà trasmessa in diretta televisiva, alle 17.30, su RaiSport. —
 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi