I librai di  Belluno: «Anticipate i regali di Natale»

“Eddini” e Tarantola invitano i clienti a muoversi per tempo: «Meglio evitare la calca degli ultimi giorni»

BELLUNO

Il “Dante” di Alessandro Barbero. Ma anche un libro che parla di libri, come “L’inventore di libri. Aldo Manuzio, Venezia e il suo tempo” di Alessandro Marzo Magno. È la saggistica il genere che sembra andare di più in queste settimane autunnali.


È quanto rileva da Via Mezzaterra la Libreria degli Eddini. «C’è una buona richiesta di saggistica, che sta andando meglio della narrativa», spiega Alberto. «Diverse persone leggono di più, avendo più tempo a disposizione. Del lavoro di questi mesi non possiamo lamentarci». «Per quanto riguarda i titoli maggiormente gettonati», prosegue Alberto, «il Dante di Alessandro Barbero sta andando bene, così come l’opera di Alessandro Marzo Magno dedicata ad Aldo Manuzio».

Che cosa aspettarsi da qui a Natale? «Auspichiamo, e consigliamo, che per i regali i bellunesi comincino a muoversi già da queste giornate», dice Alberto, . «Anticipare significa diluire i flussi e quindi vivere in maniera più tranquilla l’acquisto. Un grosso problema, per noi ma anche per i clienti, sarebbe quello di gestire i numeri di un flusso ordinario sotto Natale».

Alessandro Tarantola, dell’omonima libreria di via Psaro, in centro, conferma come la vendita di libri in questi mesi stia andando bene. «Nonostante le restrizioni, non c’è stata flessione» dice Tarantola. «Anche in questi giorni il movimento è buono: ci sono diverse persone che stanno anticipando i regali per le festività natalizie, probabilmente per mettersi al riparo da eventuali incognite che la situazione potrebbe riservare nelle prossime settimane». Quali sono gli autori che vanno di più? «Il periodo tra settembre a novembre è quello nel quale solitamente vengono fatti uscire i titoli più importanti e sono tanti dunque i libri richiesti» prosegue Tarantola. «Giusto per fare qualche nome: dal “Fu Sera e fu Mattina” di Ken Follet all’ “Appello” di Alessandro D’Avenia. Il più venduto è comunque “L’ultimo sorso. Vita di Celio” di Mauro Corona». —

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi