Un’illuminazione scenografica per il cuore della cittadella

Un intervento da 170 mila euro per rendere più bella piazza Maggiore Del Bianco: «Vogliamo valorizzare i palazzi storici e tutti i monumenti»

FELTRE

Piazza Maggiore rinascerà sotto una luce nuova. Mentre ai piedi della chiesa di San Rocco è in corso l’intervento di recupero delle fontane Lombardesche per far tornare a scorrere l’acqua e guardando in alto stanno andando verso la conclusione i lavori sulla torre del Campanon, anche la percezione visiva complessiva si prepara a cambiare, grazie all’illuminazione scenografica della piazza.


Si va definendo un altro tassello del progetto di “Valorizzazione turistica del territorio feltrino”, finanziato nell’ambito del Fondo per lo sviluppo dei Comuni di confine, che riguarda il completamento del “Gold Ring”. L’obiettivo è individuare un sistema di illuminazione pubblica che valorizzi lo spazio urbano cinquecentesco e le quinte architettoniche nel cuore del centro storico.

A immaginare come farlo, con un effetto scenografico di impatto per l’osservatore, è stato Romano Baratta, uno dei “light designer” (professionisti che si occupano di illuminazione) under 40 di maggior rilievo a livello internazionale, che ha redatto la versione definitiva del piano di fattibilità tecnica ed economica.

L’idea alla base dello studio è quella di creare un paesaggio visivo urbano dal forte impatto emozionale che valorizzi identità, storia, cultura alla cittadella, utilizzando la luce anche come mezzo di marketing territoriale a supporto dell’offerta turistica. Gli interventi previsti riguarderanno la riqualificazione dell’area mediante la luce e la valorizzazione dei monumenti esistenti in un contesto di alta qualità in grado di coinvolgere tanto i residenti che i visitatori. L’importo complessivo è di 100 mila euro, a cui si aggiungono somme a disposizione dell’amministrazione (spese tecniche di progettazione, Iva e altri oneri) per un totale di circa 170 mila euro.

«La luce, secondo i suoi multiformi utilizzi e le sue straordinarie potenzialità, è uno strumento oggi sempre più utilizzato in ambito urbano, soprattutto nei centri storici, per valorizzare il patrimonio storico e architettonico», commenta l’assessore alla cultura e al turismo Alessandro Del Bianco. «Partendo da questo presupposto, abbiamo commissionato allo studio Baratta un progetto in grado di dotare tutta l’area di piazza Maggiore di una illuminazione scenografica in grado di valorizzarne tutti i suoi aspetti».

«L’impianto», aggiunge Del Bianco, «sarà modulare, ovvero con numerose soluzioni alternative e applicabili a seconda dei vari contesti. Penso, ad esempio, alle numerose manifestazioni culturali e sportive che vedono il nostro centro storico protagonista». —

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi