Belluno, la giornata più tragica della pandemia: otto morti e 289 nuovi casi positivi

Gli ospedali restano pieni, anche se calano lievemente i ricoveri (da 189 a 180). Sospesi i drive-in per l’allerta meteo

BELLUNO. La giornata più tragica per il Bellunese, da quando è iniziata la pandemia a fine febbraio. Il 4 dicembre si sono registrati otto morti e ci sono 289 nuovi casi positivi. Numeri enormi per la provincia di Belluno e i suoi 200 mila abitanti.

Le vittime del Covid

Sono otto le persone che erano ricoverate negli ospedali bellunesi e che hanno perso la vita fra giovedì e ieri. Si tratta di un uomo di 78 anni che era ricoverato in Rianimazione a Belluno, una donna di 84 anni ricoverata in Pneumologia a Belluno e una donna di 87 anni ricoverata in Malattie Infettive a Belluno. Erano invece pazienti dell’ospedale di Feltre un uomo di 90 anni che era ricoverato in Geriatria, un uomo di 72 che era in Rianimazione, una donna di 92 anni ricoverata in Pneumologia, una donna di 93 e un uomo di 84 anni ricoverati in Ospedale di Comunità.


I nuovi positivi

Tanti anche i nuovi casi positivi: ben 289 quelli emersi con i tamponi effettuati. Restano numerosi i ricoveri, anche se in lieve calo rispetto a giovedì: si è passati da 189 pazienti negli ospedali a 180 (dato di ieri del bollettino diffuso dall’Usl Dolomiti). In area non critica sono ricoverate 62 persone a Belluno, 48 a Feltre e 8 a Agordo; negli ospedali di comunità ci sono 8 pazienti a Agordo, 4 ad Alano di Piave, 10 ad Auronzo, 18 a Belluno e 13 a Feltre. In Terapia intensiva sono nove i letti occupati, uno in meno rispetto a giovedì. Sono ricoverate in quest’area 4 persone a Belluno e 5 a Feltre.

L'allerta meteo

L’allerta meteo costringe anche l’Usl a rivedere le sue attività. Per la sicurezza degli operatori e degli utenti, è sospesa l’operatività di tutti i drive-in per i tamponi dalla mezzanotte di oggi alle 7 di lunedì. L’unità di crisi sta contattando i bellunesi che avevano un appuntamento per il test per fissare una nuova data utile.

Dalle 7 di lunedì riprenderà l’attività al drive-in di Sagrogna, alle 8.30 ricominceranno i test anche a Feltre (località Peschiera ex Marangoni) e tutti gli altri drive-in in calendario (Agordo e Tai di Cadore).

I contagi nelle scuole

Scendono le scuole in carico al team dell’Usl che si occupa di questo settore: sono 76 le classi seguite (-15 rispetto alla scorsa settimana) gestite in base al protocollo scuola a seconda delle specificità dei casi e in accordo con l’autorità scolastica. Nel dettaglio, si tratta di 11 classi dell’infanzia, 32 classi delle elementari, 27 classi delle medie, cinque delle superiori e un doposcuola.

In isolamento domiciliare fiduciario ci sono 30 classi (-9 rispetto alla scorsa settimana): 11 dell’infanzia, 11 delle elementari, 8 delle medie. Dal 14 settembre a ieri sono state prese in carico 394 classi (+ 50 nella settimana).

Nella settimana sono stati eseguiti 1.596 tamponi antigenici e 122 tamponi molecolari da parte del team scuola nei vari comuni dove si sono riscontrate positività negli istituti. —




 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi