Miele vola giù per 50 metri: recuperato di notte dal burrone

Il cane era scivolato sul ghiaccio e finito sul greto del torrente Gavon. Decisivo l’intervento dei vigili del fuoco di Agordo

FALCADE

Salvato Miele, scivolato sul ghiaccio e finito sul greto del torrente Gavon che scorre vicino casa a Caviola: i vigili del fuoco di Agordo sono dovuti intervenire in piena notte per recuperare il cane in mezzo alla neve, dopo l’allerta dei proprietari.

[[ge:gelocal:corriere-alpi:site:1.39734975:gele.Finegil.Image2014v1:https://corrierealpi.gelocal.it/image/contentid/policy:1.39734975:1609847074/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=a952e14]]

Il meticcio era precipitato nella scarpata per una cinquantina di metri, complice una lastra di ghiaccio formatasi con le abbondanti nevicate e le susseguenti  temperature scese abbondantemente sotto lo zero. L’animale era con il suo padrone nei pressi dell’abitazione quando forse incuriosito da qualcosa è caduto nel burrone.  Erano le 23.30 quando i proprietari hanno chiesto aiuto ai vigili del fuoco perchè loro di sicuro non sarebbero riusciti a calarsi giù per aiutare il quattro zampe.

I pompieri arrivati da Agordo, hanno effettuato una calata, riuscendo a raggiungere Miele, un meticcio di 14 anni. L’animale è stata assicurato all’interno del proprio portantino e recuperato con il vigile del fuoco. Miele in buono stato, grazie alla neve che attutito la caduta, è stato subito accudito dai felici proprietari, sollevati per lo scampato pericolo. Le operazione di soccorso della squadra dei vigili del fuoco sono terminate dopo un’oretta. —
 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi