Vertice tra D’Incà, Enel e Provincia: garanzie su Polpet e linee interrate

La società promette 100 milioni di investimenti in tre anni. Si è parlato anche di Soverzene e Paludi 

BELLUNO. Garanzie sul futuro della stazione di telecontrollo di Polpet, sulla centrale e sul ponte di Soverzene, sul lago di Santa Croce e su Paludi e anche sull’interramento delle linee. Importante incontro, ieri, tra la Provincia ed Enel, il primo da qualche anno a questa parte, tanto che il presidente di Palazzo Piloni non aveva mai avuto modo di confrontarsi con i vertici dell’azienda.

Il primo appuntamento


Ad organizzare l’incontro è stato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà: «Il nostro territorio ha dato, e continua a dare, un notevole contributo energetico al Paese: ecco perché l’incontro con i rappresentanti di Enel, nato da un confronto con il presidente della Provincia Padrin, il consigliere Bortoluzzi e il deputato De Menech, si è rivelato particolarmente importante per porre l’attenzione su alcuni tasselli fondamentali, tra cui la stazione di Polpet. Un’attenzione che Enel ha affermato di dimostrare, insistendo sul valore del capitale umano e sull’importanza della sicurezza del territorio. Significativo l’investimento di per le riparazioni post Vaia, che si è rivelato come il più alto del territorio nazionale a livello pro-capite. Non solo: è emersa la volontà di fare ulteriori importanti investimenti, a conferma di quanto il bellunese sia considerato strategico. Continueremo a confrontarci sui temi discussi e a portare le istanze a tutela del territorio, per lavorare assieme anche sotto il profilo della prevenzione e della tutela ambientale».

Gli investimenti

Enel ha illustrato la situazione degli investimenti effettuati all’indomani della tempesta Vaia, per intervenire sui 200 chilometri di linee danneggiate dal maltempo, con una spesa di 90 milioni di euro in 3 anni. Inoltre Enel ha presentato il piano del prossimo triennio, con ulteriori 100 milioni per magliare le reti soprattutto in vista di un potenziamento delle linee di distribuzione per le Olimpiadi 2026, in considerazione del fatto che Cortina, già oggi, è una delle poche zone al mondo con il 100% del telecontrollo del servizio elettrico. «È stato un incontro importante, perché abbiamo potuto discutere in maniera costruttiva delle criticità principali del territorio. Soprattutto considerando le problematiche segnalate dai sindaci con le nevicate di inizio anno», commenta il presidente Padrin. «I vertici Enel, sollecitati anche dal ministro D’Incà, hanno spiegato la loro visione di presidio territoriale. In questo senso abbiamo ricevuto maggiori garanzie sul mantenimento della sede operativa di Polpet. Ho colto l’occasione per ringraziare i 250 operatori impegnati durante le grandi nevicate per assicurare il funzionamento del servizio elettrico».

L’interramento delle linee

L’incontro ha affrontato anche il tema della centrale e del ponte di Soverzene, del lago di Santa Croce e della zona di Paludi, e anche l’interramento delle linee. «Dai vertici Enel è arrivata un’apertura totale alla collaborazione per l’allargamento delle fasce di rispetto», afferma il consigliere provinciale Massimo Bortoluzzi. «Una questione che abbiamo sollevato più volte e che abbiamo potuto toccare con mano anche nell’ultima emergenza. Le linee hanno retto, e solo la caduta di piante ha compromesso il funzionamento dell’alimentazione elettrica. Enel concorda con noi sulla necessità di allargare le fasce dai 10 metri attuali - non solo per le reti elettriche, ma anche per le strade, soprattutto in montagna - e ha avanzato l’ipotesi di fare di Belluno una provincia pilota su questo tema e sull’applicazione di nuove tecnologie. Ovviamente serve una norma ad hoc, che cercheremo di portare avanti come coordinamento delle Province interamente montane. Ma fin da subito, per interventi a breve termine, c’è l’idea di un taglio selettivo delle piante più alte che possono interferire sulle linee. Lavoreremo in sinergia per costruire insieme una proposta che sia operativa, anche grazie al prossimo decreto semplificazione».

Mantenere le professionalità

«Questi incontri sono utili a fare squadra tra territorio e Enel, per le infrastrutture necessarie al Bellunese», aggiunge il deputato Roger De Menech. «Importante sottolineare la collaborazione anche nell’ottica di tenere i presidi di controllo come Polpet. È interesse in primis di Enel e dell’intero territorio mantenere e consolidare il patrimonio di professionalità sviluppato in tanti anni di gestione di una rete complessa e impossibile da gestire da remoto». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi