Flessibilità in De Rigo: gli addetti dell’occhiale “dirottati” sui frigoriferi

“Refrigeration” va alla grande, “Vision” in stand by. L’azienda corre ai ripari e ringrazia i dipendenti: «Un bell’esempio di job rotation»

BELLUNO

Scambio di lavoratori tra fabbriche dello stesso gruppo, ma che operano in settori differenti: occhiale e refrigerazione. In tempi di Covid gli imprenditori si trovano di fronte a scenari complessi, situazioni che mutano di giorno in giorno. In queste condizioni la flessibilità riveste un ruolo fondamentale. Lo sanno bene alla De Rigo, dove, grazie a un attento lavoro in sinergia tra le Risorse Umane delle due società, si è dato vita a un nuovo modello organizzativo a protezione del business e dei lavoratori.


Coinvolte nell’operazione la De Rigo Refrigeration e la De Rigo Vision: «Grazie alla disponibilità dei nostri dipendenti», spiega il presidente Ennio De Rigo, «è stato possibile rispondere alle richieste del mercato, accordandosi per un temporaneo spostamento di alcuni lavoratori di De Rigo Vision nei reparti di produzione di De Rigo Refrigeration. Ciò ha permesso di offrire ai colleghi del settore occhialeria l’opportunità di riprendere al 100% la propria attività lavorativa e, allo stesso tempo, di fare una nuova e importante esperienza professionale. Un bell’esempio di job rotation, di fare squadra e di essere parte di un gruppo».

De Rigo Refrigeration, società del Gruppo De Rigo e player di primaria importanza nel settore della refrigerazione, da oltre 50 anni è presente sul mercato commerciale e industriale con prodotti made in Italy. Realtà chiave nella catena del freddo, dal food, al farmaceutico, l’azienda non solo è stata poco toccata dagli effetti della pandemia, ma al contrario si è trovata a dover fronteggiare crescenti ordini con tempi di consegna serrati.

De Rigo Vision, al contrario, pur avendo messo in campo importanti azioni di contrasto all’inevitabile flessione del mercato causata dall’emergenza COVID-19, si è trovata a registrare un rallentamento del proprio business.

Dunque, da un lato una straordinaria opportunità per De Rigo Refrigeration di espandere il proprio business con un portafoglio di ordini che richiedevano un aumento della produzione difficile da soddisfare nell’immediato. Dall’altro la disponibilità immediata delle professionalità di De Rigo Vision, che si sono prestate con entusiasmo a supportare i colleghi del settore refrigerazione per rendere concreta tale occasione.

«L’aumento dell’attività è dovuto alla ripresa dei mercati esteri che avevano “congelato” gli investimenti durante il periodo pandemico e alla continua crescita nel mercato domestico», spiega Ennio De Rigo. « A ciò si aggiunge un importante aumento degli ordini relativamente al comparto medicale per armadi refrigerati che, come sappiamo, si rendono necessari per il piano vaccinale italiano. Una situazione straordinaria, che richiedeva uno sforzo straordinario per poter soddisfare un tale aumento di richieste». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il portiere robot para il rigore di Messi, così la tecnologia si fa beffa del Pallone d'Oro

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi