Ghezze non molla: la neve terrà sul Faloria si scia anche a maggio

Il rifugio sta lavorando a ritmo serrato nonostante le piste chiuse  L’imprenditore deciso «costi quel che costi» ad aprire per un mese 

il caso

«Io aprirò. Così imparano…». Enrico Ghezze, l’anima del sistema Cristallo-Faloria è come sempre provocatorio. «Hanno intenzione di punirci con l’ultima proroga, fino a Pasqua, immaginando così di negarci la stagione sciistica? Io, costi quello che costi, aprirò. Così imparano».


“Aprirò” che cosa? gli chiediamo. «Ovviamente la funivia al Faloria, sempre che ci siano le condizioni di sicurezza anti-covid per farlo», risponde Ghezze. L’ultimo mese di soddisfazione ai suoi amici sciatori Ghezze, insomma, vuole assicurarglielo.

Le piste sono già pronte oggi. Ghezze le aveva fatte preparare per il 7 marzo, convinto di avere davanti almeno due mesi e mezzo di divertimento. Il suo programma, infatti, è di chiudere solo a metà maggio. «Se disporrò soltanto di un mese, non importa, ci voglio provare, perché i tanti appassionati che ci stanno dando piena soddisfazione, meritano questo ed altro».

Sì, perché il rifugio Faloria funziona “a bomba” (il termine è dello stesso Ghezze). I posti al suo interno sono ben 350. I collaboratori di Ghezze ne hanno ricavati 160, con tavoli da 4 anziché da 10 posti. Di sabato e domenica i commensali arrivano a 100-130, a volte anche 150. Durante la settimana la metà. Tanti salgono a piedi da Rio Gere, dove c’è un parcheggio da 1000 posti, che la società Faloria tiene quotidianamente pulito e che spesso viene occupato in 600 piazze. Al rifugio si può salire anche con la motoslitta.

Ce n’erano due di servizio, Ghezze le ha fatte raddoppiare. La navetta è in funzione per la salita e, se si desidera, anche per la discesa. Una stagione quasi ottima per l’attività di ristorazione. Manca solo lo sci. La neve non è inferiore ai 2 metri e mezzo.

«Fa molto caldo, in questi giorni, le conseguenze le abbiamo a tratti viste, ma ci sono tutti i presupposti», conclude Ghezze, «per arrivare anche a fine maggio». Ghezze ha mantenuto, per queste ragioni, tutto il personale che aveva a disposizione. Precisa che invece non ci sono le condizioni per aprire il Cristallo. Anzi, non ci saranno dopo Pasqua. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi