Valle, cresce ancora il contagio. Colpiti i bimbi dell’asilo e i genitori

Positive alcune maestre. Il sindaco Marianna Hofer si dice preoccupata. Sono quasi settecento i casi attuali in provincia di Belluno

BELLUNO. Sono 40 le persone costrette a rimanere a casa a Valle di Cadore, dove il focolaio si sta pian piano allargando. Erano 29 complessivamente soltanto alla fine della settimana scorsa. Questa volta ad essere maggiormente colpiti sono i bambini dell’asilo e di conseguenza i loro genitori.

L’aggiornamento sull’andamento della curva epidemica nel comune, l’ha fatto ieri il sindaco Marianna Hofer sui social. «Ad oggi abbiamo 11 positivi e 29 persone in quarantena. Si tratta di bambini delle classi per medi e grandi dell’asilo», ha precisato Hofer. «Vanno invece a scuola i bambini delle prime sezioni, quelle dedicate ai piccoli. Per quanto riguarda le altre classi contiamo però di riprendere al più presto con le lezioni», ha anticipato la prima cittadina che ha spiegato come sono andate le cose. Qualche giorno fa i bambini di età media dell’asilo sono andati a fare il tampone di controllo, e alcuni di loro con i genitori sono risultati positivi, aggiungendosi a quelli che già prima erano a casa. Si parla quindi di 11 persone positive al Covid-19 tra genitori e bambini, mentre 29 sono in quarantena. Questi sono i dati dei residenti a Valle», ha tenuto a precisare Hofer, «perché l’asilo viene frequentato anche da chi viene da fuori comune». Anche alcune maestre sono risultate infette. «Tutti stanno bene, hanno sintomi lievi», precisa il sindaco che si dice «preoccupata, ma la situazione è ancora sotto controllo. Mi spiace per tutti i bambini che sono in isolamento. Quando tornerete all’asilo e se fate i bravi, vi prometto che porterò a tutti un regalino».


Resta sospeso il servizio di scuolabus, in attesa che torni alla normalità l’attività dell’asilo.

Intanto sono 48 i nuovi positivi in provincia, secondo il bollettino di Azienda zero, che fanno salire a 698 gli attuali contagiati in provincia.

Per fortuna, nelle ultime 24 ore non si registrano decessi. Per quanto riguarda l’attività ospedaliera, ieri i ricoverati in area non critica erano 51 di cui 35 a Belluno e 16 a Feltre, mentre 10 erano i degenti della Terapia intensiva (cinque al San Martino e altrettanti al Santa Maria del Prato). Infine, per quanto riguarda le strutture a bassa intensità di cura, i ricoverati sono 20, equamente distribuiti tra i due ospedali. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi