Dal genio di Pirolo è nata “Sorpasso”, due versioni per la nuova Frangivento

Stradale e GTXX sono personalizzabili, intelligenti e realizzate con materiali pregiati. E le prenotazioni volano

BELLUNO.  La nuova Frangivento è pronta per stupire il mercato. Anzi, due. Dopo l’hypercar Asfanè, il brand della “Saetta Italiana”, del bellunese Giorgio Pirolo e di Paolo Mancini, lancia la FV Frangivento Sorpasso in due versioni: Stradale e GTXX. La nuova vettura della Casa torinese, il cui nome rende omaggio al film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Catherine Spaak e Jean Luis Trintignant, avvia ufficialmente le vendite dei due modelli che inizieranno ad essere consegnati tra un mese.

«Abbiamo già ricevuto tre ordini», spiega Pirolo, co-founder e direttore artistico di FV Frangivento. «Due andranno negli Emirati, dove abbiamo aperto un canale di distribuzione, una di queste vetture è stata acquistata dal principe di Abu Dhabi. La terza vettura andrà a Montecarlo a uno sportivo molto noto. In previsione per il prossimo anno, però, abbiamo altre cinquanta prenotazioni».


Pirolo e Mancini sono artigiani dell’auto che coniugano il passato con le più moderne tecnologie e la ricerca continua.

La Sorpasso Stradale è caratterizzata da una linea pulita ed elegante, presentata con raffinata tinta Grigio Hèrmes, mentre la Sorpasso GTXX, altrettanto omologata per l’uso quotidiano, punta su carrozzeria bicolore e su un look più aggressivo, che trae ispirazione dalle competizioni e, più precisamente, dalle vetture di Gruppo GT3. Con esse ha in comune, ad esempio, appendici aerodinamiche più pronunciate e l’enorme alettone posteriore.



Entrambe le versioni della Sorpasso saranno dotate di interni realizzati con materiali pregiati come la pelle, lavorata dallo storico atelier torinese Mario Levi Group, e l’Alcantara. L’abitacolo è stato definito per avere uno spiccato stampo sportivo, ma si caratterizza per il design minimalista e la cura maniacale dei dettagli.

Per la prima volta, inoltre, l’auto diventa realmente intelligente. Grazie all’adozione della tecnologia di intelligenza artificiale eeve.ai del gruppo Sistemevo, la Sorpasso integra come optional un Avatar Driving Assistant: un copilota intelligente, dalle sembianze umane personalizzabili, con il quale è possibile interagire.

La FV Frangivento Sorpasso sarà inoltre ampiamente personalizzabile. La casa, infatti, dispone di un Programma Sviluppo e un Programma Ego della durata di 30 giorni che permette al cliente di lavorare fianco a fianco con gli stilisti per creare la vettura desiderata. Sull’allestimento GTXX è consentito intervenire addirittura sul nome. Il cliente può infatti decidere di cambiare la sigla “XX” con una cifra a piacere in modo da rendere unico il proprio esemplare.


Le due versioni della FV Frangivento Sorpasso si differenziano anche per il diverso powertrain. Entrambe spinte da un V10 benzina, declinano il propulsore in due versioni: aspirato da 610 CV per la Sorpasso Stradale e sovralimentato da 850 CV per la Sorpasso GTXX. Dotate entrambe di trazione integrale, con una massa di circa 1.300 kg, le due auto arrivano a vantare un eccezionale rapporto peso potenza di 1,53 kg/CV. La versione GTXX scatta da 0-100 in 2”9, da 0-200 in 9”3 e raggiunge una velocità massima di 345 km/h. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi