Valle di Cadore, il parroco colpito da malore in canonica: è gravissimo

Don Giuseppe Bortolas, classe 1953, ha avuto un'emorragia cerebrale. Il vescovo lo attendeva in chiesa per un saluto prima della messa: lo ha sostituito, poi, preoccupato per l'assenza imprevista, ha lanciato l'allarme 

Alla messa delle 18, ieri, nella chiesa della Deposizione, c'era anche il vescovo ad attenderlo: non lo aveva trovato in canonica e per salutarlo e scambiare qualche impressione sulla chiesa pericolante di Valle era andato ad incontrarlo lì. Ma don Giuseppe Bortolas, che mai avrebbe mancato di officiare, non s'è presentato. Era stato colto da malore, ed ora è ricoverato in gravissime condizioni. 

E' stato lo stesso vescovo a lanciare l'allarme. Ha detto messa al suo posto, poi, sempre più preoccupato, con le suore e il sacrestano è tornato alla canonica, ancora chiusa. Ma l'auto era in garage, doveva essere accaduto qualcosa. Sono stati chiamati i carabinieri, i vigili del fuoco e anche il sindaco. Don Giuseppe è stato trovato incosciente e in ipotermia. All’ospedale di Pieve di Cadore è stato sottoposto alla Tac che ha rivelato un’emorragia cerebrale. Nel frattempo sono stati informati la sorella e gli altri familiari, che hanno raggiunto l’ospedale.

A tarda sera, il Vescovo ha impartito l’Unzione degli infermi. Stamane don Giuseppe è stato trasferito nel reparto di rianimazione del San Martino di Belluno.

Il Vescovo invita presbiteri e diaconi e l’intera comunità diocesana a unirsi in preghiera per don Giuseppe, le sue tre parrocchie e i familiari.

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi