Contenuto riservato agli abbonati

Una spa a Villa Carpenada; in estate via all’ampliamento

Il park hotel avrà un centro benessere aperto a tutti e 18 nuove camere. La proprietà realizzerà a proprie spese una rotonda e un marcipaiede a Mier

Nuove camere e un centro benessere aperto a tutta la cittadinanza, ma anche una rotatoria e un marciapiede per mettere in sicurezza via Mier. Dopo lo stop forzato dovuto al lockdown e ad una situazione economica poco favorevole, stanno per ricominciare i lavori di ampliamento a Villa Carpenada.

La famiglia Dalla Riva, proprietaria del Park hotel, ha in mente da tempo un progetto destinato a cambiare il volto dell’ospitalità alberghiera in città: la villa sarà ampliata nella parte retrostante, dove sarà realizzato un centro wellness di circa mille mq, dotato di pannelli solari e impianto domotico e con un rivestimento in pietra e legno. Nell’ampliamento troveranno spazio anche diciotto nuove camere, che arricchiranno l’ospitalità nella pregevole dimora secentesca alle porte di Belluno.

«I lavori stanno per ripartire», annuncia Bruno Dalla Riva. «Avvieremo contemporaneamente l’ampliamento dell’hotel e le opere di mitigazione che ci ha richiesto il Comune».

Per costruire la struttura che ospiterà spa e camere, infatti, il privato ha dovuto chiedere un cambio di destinazione d’uso del terreno, con variante del piano regolatore. Il Comune l’ha concesso, ma ha chiesto in cambio di costruire un tratto di marciapiede lungo via Mier (oggi priva di percorsi protetti nel tratto che conduce a Sois) e una rotatoria alla base del viale dei carpini. Opera necessaria, non solo per migliorare l’accesso alla Feinar ma anche perché un giorno proprio in quel punto confluirà la Cucciolo - Marisiga, la strada di collegamento fra la regionale Agordina e la statale 50.

«Fra un paio di mesi aprirà il cantiere per la costruzione della rotatoria», prosegue Dalla Riva, «poi quello per il marciapiede. In estate avvieremo anche l’ampliamento della villa. Eravamo titubanti su questo investimento, perché a causa del Covid l’albergo ha lavorato poco, ma ora abbiamo la speranza di ripartire. Crediamo molto in questo progetto e vogliamo portarlo a termine».

La nuova struttura sarà suddivisa su tre piani di 500 mq ciascuno. All’ultimo piano ci saranno le quattordici camere e una terrazza per cerimonie e convegni; altre quattro camere saranno realizzate in adiacenza alla villa. Al primo piano e nel seminterrato, invece, si svilupperà la spa, che avrà una superficie complessiva di mille mq. Sarà dotata di una piscina, aree per i massaggi, saune, e tutto quello che si può trovare in un centro benessere di eccellenza.

Le opere di mitigazione richieste dal Comune (il marciapiede e la rotatoria) sono soggette a collaudo. Con la determina firmata il 3 maggio, il Comune ha conferito l’incarico all’ingegner Sandro D’Agostini.

Video del giorno

Europei, Ronaldo-bottiglietta diventa un tormentone: da Locatelli a Jokic, ecco le risposte

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi