Contenuto riservato agli abbonati

Le Pro Loco della Valbelluna: «Senza sagre siamo in crisi e il numero dei volontari sta calando»

L’allarme dei presidenti delle associazioni della zona: anche quest’estate dovranno rinunciare agli eventi

Valbelluna. Le Pro Loco della Sinistra Piave rischiano di non riuscire a ripartire. E se lo faranno potrebbe volerci parecchio tempo prima di raggiungere i vecchi livelli del passato. A lanciare l’allarme sono i presidenti dei sodalizi di Trichiana, Mel e Lentiai per i quali servono regole chiare e immediate. Per le Pro Loco i danni si riscontrano nel settore economico, e su quello sociale: non essendoci più feste e manifestazioni vengono meno anche gli introiti e i divieti di assembramento fanno il resto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi