Contenuto riservato agli abbonati

Parte l’estate delle manifestazioni a Feltre. «Ogni weekend ci sarà qualcosa da fare»

Piazza Maggiore ospiterà concerti: in arrivo Gualazzi. I busker di Ferrara a Voilà. Al Palafeltre ci sarà ghiaccio da agosto

FELTREConcerti in piazza Maggiore con artisti di Sanremo, animazioni di luci e colori in cittadella, teatro di strada con i buskers di Ferrara, e poi ancora allestimenti di “urbanistica tattica” per ridisegnare temporaneamente gli spazi della città, assieme a grandi eventi consolidati, dal Palio al Giro delle mura e alla Granfondo. Senza contare il Palafeltre che aprirà al pattinaggio in piena estate, dal 23 agosto.

L’estate feltrina della ripartenza sarà piena di eventi e di manifestazioni, con un calendario che non avrà nulla da invidiare a quello di città ben più grandi, con appuntamenti «pensati non per riempire le date ma come investimenti importanti per l’attrattività turistica in questa fase post Covid».

Ad anticiparne le date principali, e a fare il punto su un lavoro minuzioso di incastro di eventi di diverso genere che però portano a comporre un mosaico denso e vivacissimo, è stata ieri l’amministrazione comunale. Per bocca dell’assessore alla cultura e vicesindaco Alessandro Del Bianco, dell’assessore al commercio Irma Visalli e del presidente del consiglio e referente per le manifestazioni, Manuel Sacchet.

CULTURA

L’estate 2021 sul piano culturale ruoterà attorno al circuito della Totem card, il biglietto unico per i principali siti culturali. «Venerdì riapriranno le antiche prigioni, da luglio il museo civico e le torri, con il Campanon, e ci saranno iniziative correlate», ha snocciolato Del Bianco.

«C’è tutto il pacchetto delle iniziative dantesche già avviate, che comprende lo spettacolo di Moni Ovadia il 25 giugno. Gli affreschi digitali sono stati prorogati per una settimana ma dal primo luglio il museo diocesano ospiterà tutti i weekend giochi di luce e audio immersivo con letture di Gassman. Dal 16 luglio ci sarà la mostra di Luca Rento, e poi c’è tutta la partita degli spettacoli: Luca Scarlini il 22 luglio, nel weekend di Ferragosto il ritorno di Voilà, che quest’anno vedrà la collaborazione con i busker di Ferrara: gestiranno direttamente con noi la parte artistica».

MUSICA DAL VIVO

C’è poi la partita dei concerti di rilievo nazionale, che restituiranno piazza Maggiore al suo ruolo di scenario ideale per la musica dal vivo. L’appuntamento con il rapper Murubutu del 24 luglio è già annunciato da tempo, nell’ambito delle iniziative dantesche. Ma ci saranno altri tre big. Del Bianco anticipa solo un nome: quello del cantautore e pianista Raphael Gualazzi. Gli altri due restano “top secret” per qualche giorno, in attesa che ufficializzino le date dei loro tour estivi. «Ma si tratta di artisti nazionali, di riferimento per i giovani, artisti che hanno fatto Sanremo».

L’obiettivo è quello di accendere su Feltre l’interesse degli appassionati di musica a livello almeno regionale, con un pacchetto di appuntamenti che valorizzi la piazza nel cuore della cittadella.

LE MANIFESTAZIONI

Feltre è una città ricca di iniziative che partono dalle realtà del territorio, che siano le associazioni o i commercianti. E tutte assieme contribuiscono a tracciare il disegno di una città «in cui ogni fine settimana ci sarà qualcosa da fare per chi vuole venire in visita».

Lo ha sottolineato l’assessore al commercio Irma Visalli, annunciando il ritorno di iniziative che hanno visto affiancati Comune ed esercenti, come il progetto “Luci, trasparenze e materia” che ha esordito a Natale, o come la “urbanistica tattica”, il ridisegno temporaneo degli spazi della città, che l’anno scorso riscosse molto successo.

«Lo facciamo con i fondi del distretto del commercio», ha sottolineato, «con il coinvolgimento dei commercianti, delle associazioni culturali e il coinvolgimento dell’università Iuav di Venezia, che guarda a Feltre come ad un laboratorio e con cui sono già partiti i confronti di progettazione partecipata».

Torneranno dunque a luglio le iniziative apprezzate l’anno scorso, come i giardini momentanei e i disegni a terra, coinvolgendo via XXXI Ottobre, largo Castaldi, piazzetta Trento e Trieste e forse l’inizio di via Tezze.

E i venerdì sera in centro? Il consorzio Prealpi ha messo a punto un progetto presentato alla Camera di commercio, ha spiegato Visalli, e il Comune intende collaborare, cercando il modo per dare ai feltrini quello che si attendono per i venerdì sera d’estate.

Video del giorno

Euro2020, il paradosso di Italia-Galles: agli azzurri può convenire una sconfitta

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi