Contenuto riservato agli abbonati

Verifiche tecniche sulla seggiovia: il Nevegal si prepara ad accogliere i turisti

L’impianto aprirà tra la fine di giugno e l’inizio di luglio.  Affidati i lavori per la pista bike, tempi più lunghi per la perizia

BELLUNO. Inizieranno la prossima settimana le verifiche tecniche sulla seggiovia del Nevegal, che aprirà al pubblico fra la fine di giugno e l’inizio di luglio. Slitta di un paio di settimane, rispetto a quanto si prevedeva a fine aprile, il via alla stagione estiva sul Colle: Nevegal 2021, la società proprietaria degli impianti di risalita, ha scelto la strada della prudenza, perché servono certezze per ripartire senza mettere in difficoltà i bilanci.

In particolare sulla realizzazione delle piste per mountain bike, che il Comune si era impegnato a garantire per l’estate.

Con la determina firmata il 1° giugno sono stati affidati i lavori (se ne occuperà la ditta Danger Zone di Andalo, Trento) e per luglio almeno un percorso dovrebbe essere a disposizione degli appassionati.

Estate ai nastri di partenza

A quel punto sarà in funzione anche la seggiovia: «Stimiamo di aprire fra la fine di giugno e l’inizio di luglio», annuncia Roberto Pierobon, direttore tecnico di Nevegal 2021. «Speriamo che la pista bike venga consegnata per i primi giorni di luglio. Se per agosto fosse pronta anche la pista alle Faverghere, sarebbe ancora meglio».

La prossima settimana, intanto, inizieranno le verifiche sugli impianti: «Sono previste per legge», precisa Pierobon. «Serviranno un paio di settimane e fra i 20 e i 25 mila euro per fare le manutenzioni». Completati i lavori, la seggiovia aprirà: in luglio solo nei fine settimana, in agosto tutti i giorni. I prezzi dovrebbero essere in linea con quelli praticati nell’estate 2019 (l’anno scorso l’impianto, che era sotto la gestione dell’Alpe, rimase fermo).

La società sta anche formalizzando le assunzioni: tre persone per il momento, ma il numero aumenterà nel clou della stagione, quando la seggiovia funzionerà tutti i giorni per portare i turisti sulle creste. «La prossima settimana ci riuniremo in direttivo e prenderemo le ultime decisioni», continua Pierobon. A quel punto si conoscerà la data precisa dell’apertura dell’impianto.

Il futuro

Nel frattempo, la società avvisa che ci saranno sconti sugli skipass per la stagione invernale 2021/2022. Un segnale che Nevegal 2021 dovrebbe occuparsi del comprensorio fino a quando non sarà conclusa l’operazione di acquisizione degli impianti da parte del Comune.

Lo scorso inverno la seggiovia ha funzionato solo per gli atleti agonisti, per disposizioni del governo, e nonostante la società fosse pronta a garantire sciate per tutti, non ha potuto farlo. A tutte le persone che hanno comprato uno skipass per la stagione 2020/2021, la società riconoscerà uno sconto sull’acquisto dello stagionale per la stagione 2021/2022, ad esclusione di coloro che hanno usufruito del servizio per attività agonistiche e/o propedeutiche all’agonismo.

Per quanto riguarda la procedura di acquisizione degli impianti, infine, il professionista incaricato dal Comune di fare la perizia sul valore dei beni (l’ingegner Mauro Naletto, titolare dello studio tecnico Montecno di Bolzano) ha chiesto altre due settimane per analizzare la documentazione ed elaborare il prospetto. La perizia, quindi, arriverà a Palazzo Rosso non prima del 22 giugno.

Video del giorno

Euro2020, il paradosso di Italia-Galles: agli azzurri può convenire una sconfitta

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi