Un trittico di sagre nell’estate bellunese. Ok a Melere e Polpet

Il via a luglio da Quero Vas, poi feste in agosto e settembre. «C’è voglia di tornare a stare insieme, rispettando le regole»

BELLUNO. Dopo un’estate senza feste e sagre, il 2021 si annuncia come l’anno della ripartenza anche sotto questo profilo. La Pro loco di Quero Vas, quella di Trichiana e il Gruppo 90 di Polpet hanno deciso di gettare il cuore oltre l’ostacolo e di chiedere le autorizzazioni necessarie per organizzare le sagre che da tradizione animano i paesi nei mesi più caldi dell’anno.

Ad aprire il calendario, dal 16 al 18 luglio, sarà la sagra degli s’cios a Quero Vas; in agosto tornerà l’appuntamento con la festa di Melere, in settembre, dal 2 all’8, quello con la sagra di Polpet.

Gli eventi saranno organizzati in formato ridotto, con meno giornate e meno iniziative (anche per ragioni di natura economica), ma l’idea che è prevalsa in tutte le associazioni è quella di superare le difficoltà dettate dalle normative anti Covid e di permettere alle persone di tornare a trascorrere qualche momento spensierato in compagnia degli amici.

Le regole da rispettare saranno ferree, a partire dal numero delle persone ammesse per arrivare al distanziamento: le associazioni stanno aspettando le ultime novità dal governo, che dovrebbero arrivare nei primi giorni di luglio. Ma intanto sono al lavoro sul programma da proporre.

QUERO VAS

La sagra degli s’cios si svolgerà dal 16 al 18 luglio, in piazza Marconi anziché nella storica sede della palestra comunale di via Spaloa. Davanti al municipio saranno allestiti dei gazebo per ospitare i visitatori che potranno gustare il piatto simbolo della manifestazione, gli s’cios appunto. Non sono previsti momenti musicali, per le limitazioni al ballo previste dalle norme.

MELERE

Anche la Pro loco Trichiana è al lavoro per riproporre uno degli eventi simbolo dell’estate bellunese: la festa di Melere. Nel 2020 l’appuntamento era stato cancellato.

«Abbiamo fatto un paio di incontri e deciso di provare a organizzare la festa», spiega il presidente della Pro loco, Davide De Bona. «Intanto abbiamo aperto il chiosco e punto informativo a Melere, che da luglio funzionerà tutti i sabati e le domeniche. Oggi (ieri per chi legge, ndr) abbiamo aperto il chiosco-infopoint anche ai Brent de l’Art, che gestiamo con la collaborazione delle associazioni di Borgo Valbelluna e che sarà aperto tutti i sabati e le domeniche».

I primi quindici giorni di agosto saranno dedicati alla tradizionale festa di Melere. «L’idea è di organizzarla in formato ridotto, solo nei fine settimana e riducendo l’offerta gastronomica e di eventi», continua De Bona. «Non siamo ancora certi al cento per cento, ma le prospettive sono buone. Diciamo che ci piacerebbe riuscire a riproporre la festa quest’anno».

POLPET

Ha già deciso, invece, il Gruppo 90: la sagra di Polpet si farà. Non si vuole saltare un altro anno.

«Ci siamo incontrati la scorsa settimana», racconta il presidente del comitato organizzatore, Mauro Topinelli. «Da parte di tutti i volontari (sono un centinaio, ndr) c’è una grande voglia di tornare a fare la sagra e abbiamo deciso di provarci».

Il santo patrono si festeggia l’8 settembre, da quella data si è andati a ritroso per proporre una settimana di eventi. Dunque la festa inizierà il 2 settembre. «Il programma sarà simile a quello degli scorsi anni», continua Topinelli. «Ci saranno eventi all’esterno, nel Palamares e il ristorante con 500 coperti. Stiamo attendendo le ultime direttive, ma siamo pronti. Già negli anni scorsi avevamo allestito un sistema con i varchi di accesso, che utilizzeremo anche quest’anno per contare le persone e non superare i limiti imposti dalle normative. In questo senso la tecnologia aiuta: alle persone che accederanno alla sagra daremo un braccialetto, che permetterà di tenere sempre sotto controllo i numeri dei presenti nell’area della festa».

Non mancheranno gli eventi sportivi: sicuramente la corsa podistica della domenica, cui si sta valutando di abbinare una corsa ciclistica. «C’è voglia di tornare a stare assieme», conclude Topinelli. «Certo le regole sono ferree, ma ce la faremo ad organizzare la sagra».

Video del giorno

Maltempo nel Comasco, torrente esonda a Cernobbio e travolge auto: motociclista in fuga dall'ondata

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi