Contenuto riservato agli abbonati

Spenti i maxischermi di Pedavena e S. Giustina

Il Covid spaventa, saltano le proiezioni della partita all’aperto. Forze dell’ordine schierate per evitare risse e incidenti

BELLUNO. Spenti i maxischermi a Prior di Santa Giustina e a Pedavena. Le rispettive amministrazioni comunali hanno deciso di non proiettare la finale degli Europei, che questa sera vedrà l’Italia sfidare l’Inghilterra, per ragioni di sicurezza soprattutto legate all’emergenza Covid.

Il numero dei contagi è in risalita, specie nel Feltrino dove c’è un focolaio, e per precauzione i Comuni di Santa Giustina e Pedavena hanno annullato i maxischermi che erano previsti per la finale degli Europei.

LA DECISIONE

«È una decisione che abbiamo preso in accordo con il gestore dell’area di Prior (il pub Van Gogh, ndr), sentita la Prefettura», spiega il sindaco di Santa Giustina, Ivan Minella. «La situazione non è serena sotto il profilo dei contagi. Eravamo comune Covid free fino a tre giorni fa, da ieri (venerdì per chi legge, ndr) ho venti persone in quarantena e due positive. La Prefettura ha chiamato sconsigliando di proiettare la partita all’aperto e insieme al gestore dell’area abbiamo deciso di non far funzionare il maxischermo».

Anche Pedavena ha seguito la stessa linea, comunicando la decisione per «motivi di sicurezza», su Facebook.

DOVE VEDERE LA PARTITA

È confermato invece il maxischermo a Lambioi, a Belluno. Duecento i posti a disposizione, si entra solo con la prenotazione e bisognerà mantenere il distanziamento previsto dalle norme.

«A Lambioi lo spazio non manca», spiega l’assessore Yuki d’Emilia. «È stato approntato un servizio di controllo grazie alle Forze dell’ordine, alla Protezione civile comunale e ai volontari della Polizia di Stato».

Al momento di andare in stampa sono confermati anche i maxischermi in piazza Tiziano a Pieve di Cadore, a Melere, dove funzionerà anche il chiosco, a San Pietro di Cadore nel piazzale dietro al municipio, con servizio ristoro, a Lozzo in piazza IV Novembre. La partita si potrà vedere in compagnia anche in moltissimi bar, che si sono attrezzati con televisori e maxischermi per l’evento.

I CONTROLLI

La Questura ha organizzato un piano di controlli che vede complessivamente schierati una ventina fra poliziotti, carabinieri, finanzieri e l’unità cinofila.

Gli agenti e i militari viglieranno a Lambioi e nel centro storico di Belluno, soprattutto.

Previste pattuglie anche nel resto della provincia per evitare problemi di ordine pubblico e incidenti.

L’appello è a divertirsi (e, si spera, festeggiare la vittoria azzurra) senza eccessi.

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi