Escursionista recuperato dopo la notte nel bivacco

CORTINA

Bloccato sulla Tofana di Mezzo. Recuperato dopo una notte passata nel bivacco. È finita bene la disavventura di un escursionista tedesco, che lunedì pomeriggio si era trovato in grande difficoltà alla fine della ferrata di Punta Anna. Era stanchissimo e, alle 18, aveva dato l’allarme, rimanendo poi in contatto con il Soccorso alpino di Cortina. Ma le nuvole basse hanno impedito all’elicottero del 118 di avvicinarsi e recuperarlo.


F.S., 56 anni, ha passato la notte nell’alloggio dell’arrivo della funivia e l’accordo era che ieri mattina avrebbe valutato l’opportunità di scendere da solo. Ma all’alba ha fatto sapere ai soccorritori che non se la sentiva, anche per la nebbia e le forti raffiche di vento. Ci sono stati dei problemi anche per l’elicottero dell’Air Service center, che è convenzionato con il Soccorso alpino, e ha imbarcato due soccorritori con l’impegno di scaricarli il più in alto possibile, all’altezza del laghetto sopra il rifugio Giussani. La squadra è poi salita per alcune centinaia di metri, arrivando fino al bivacco. Era escluso il versante a nord per la presenza della neve, con il timore del temporale sempre più vicino, i soccorritori hanno intrapreso insieme all’uomo la ferrata Olivieri al contrario, sono arrivati al Bus de Tofana per proseguire lungo il ghaione e incamminarsi verso il rifugio Dibona, dove un terzo soccorritore è andato a prendere tutti con un fuoristrada. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Torino, i cinghiali in città rovesciano i cassonetti in cerca di cibo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi