Contenuto riservato agli abbonati

L’industria bellunese assume centinaia di addetti. Operai contesi a colpi di aumenti

La Vitec continua a crescere, la Far non trova trafilatori. La Sest ha dovuto portare la campagna acquisti in Sicilia

BELLUNOIl “calcio mercato” in fabbrica? Poco ci manca. Sono sempre più frequenti i casi di industrie manifatturiere – ma capita anche nell’artigianato – che, a caccia di figure professionali introvabili, sono disposte a ad acquisirle, magari da ditte concorrenti, garantendo buste paga più consistenti.

«Fino a qualche mese fa non c’era questo dinamismo nel mercato del lavoro, oggi sì – afferma Stefano Bona, segretario provinciale della Fiom –.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Esorcismo al Santuario di Monte Berico: il racconto dei protagonisti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi