Contenuto riservato agli abbonati

Alemagna, salto a ostacoli a Longarone e Google Maps va nel “pallone”

Infiniti cantieri si concentrano su Castellavazzo e andranno avanti per mesi.  Proprio all’altezza della frazione, il servizio geografico dice che la Ss 51 è chiusa

LONGARONE. Vecchie e nuove problematiche nella viabilità longaronese all’avvio del periodo estivo di punta.

Con l’arrivo del pieno dell’estate sta aumentando il traffico sulla statale 51 che vede parte dei lavori stradali ancora non conclusi e puntuali arrivano le solite criticità, in particolare il problema della velocità della moto ma anche alcune “novità” che stanno esasperando non poco residenti e autisti che si muovo per lavoro.

LAVORI

Da ottobre l’Alemagna ha deviato il flusso verso il Cadore nella parte bassa di Longarone e l’Anas nel 2020 aveva indicato il termine dei lavori alla fine di agosto 2021. Metà dei cantieri sono completati ovvero tutta la parte che va dalla nuova rotonda di Fortogna, allo svincolo in zona industriale e la corsia di ingresso di Longarone. Avanza la creazione dei marciapiedi che sono in sostanza terminati fino alla stazione e anche oltre nella zona prima della frazione di Roggia.

Il grosso dei cantieri si concentra quindi su Castellavazzo con la creazione dei viadotti. I lavori andranno avanti ancora per qualche mese. I semafori in zona, che nelle scorse settimane hanno causato molti disagi e rallentamenti specie durante l’intervento sul ponte della ferrovia, sono stati tolti.

Fino a quando tutti questi interventi non saranno completamente ultimati non sarà comunque possibile ripristinare la viabilità dell’Alemagna a doppio senso.

MAPS ERRATO

È proprio Castellavazzo che al centro di una sgradita sorpresa. Il popolare sito Google Maps da qualche giorno indica infatti a tutti coloro che dal Cadore devono andare verso il bellunese una via particolare: non lungo l’Alemagna che in quel senso è sempre stata percorribile ma facendo un tortuoso percorso nella frazioni alte di Longarone come Olantreghe e Podenzoi indicando erroneamente la Statale come chiusa. Chi vive e lavora in zona non ci fa caso ma i turisti e i camionisti che abitualmente si affidano alle mappe online, in particolare gli stranieri, hanno l’occasione i sbagliare. Qualche residente ha anche improvvisato dei cartelli “fai da te” per indicare la giusta direzione.

LE MOTO

Oltre ai flussi estivi del traffico con le varie colonne, il problema annoso è quello delle moto che sfrecciano sulla salita per andare sulla diga. I residenti di Codissago sono esasperati per il rumore e per la pericolosità di alcuni centauri.

Ci sono comunque i due autovelox, contestati dal Comune di Erto perché penalizzerebbero soprattutto i residenti della Valcellina “facendo cassa” per Longarone ma la popolazione chiede la presenza delle forze dell’ordine sulle strade come azione di dissuasione contro l’alta velocità, come fatto in altri luoghi chiave della provincia come sul lago di Santa Croce.

FERROVIA

A tutto questo va questo va aggiunto appuntamento estivo ormai immancabile ovvero la chiusura per lavori della linea ferroviaria Calalzo Belluno. Qualcuno auspicava che, almeno per i turisti, questo potesse essere uno sfogo rispetto al traffico. Enrico De Col

Video del giorno

Belluno, ecco come funziona il visore che permette ai ciechi di leggere

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi