Campo Ana da applausi Il presidente Favero visita l’ex Zannettelli

feltre

Una esperienza riuscita, che merita di essere ripetuta e ampliata. È questo l’auspicio del presidente della sezione alpini Feltre, Stefano Mariech, che ieri ha accolto al campo scuola di protezione civile all’ex Zannettelli il presidente nazionale Ana, Sebastiano Favvero e i colleghi delle sezioni Ana di tutto il Triveneto. Arrivati, assieme al sindaco di Feltre e alle autorità locali, per vedere da vicino le attività e partecipare alla cerimonia dell’ammaina bandiera. Assieme ai 39 giovani – 34 ragazzi e 5 ragazze – che si stanno impegnando in una “mini naja” all’insegna della vita comunitaria, della collaborazione e dell’apprendimento dei rudimenti della protezione civile.


Ad una manciata di giorni dall’inizio dell’esperienza, che coinvolge ragazzi provenienti da Veneto, Trentino - Alto Adige e Friuli - Venezia Giulia, il bilancio è già estremamente positivo.

I partecipanti si sono adattati subito alle regole della vita comunitaria negli spazi dell’ex caserma ora assegnati alla protezione civile Ana, ha sottolineato il responsabile sezionale, Giorgio Bottegal. E la vita spartana – sveglia alle 6,30, attività fisica allo stadio Zugni Tauro, poi rientro per la colazione, le pulizie generali e quindi l’inizio delle attività vere e proprie – è stata accolta bene dagli allievi dai 14 ai 25 anni.

«L’obiettivo che ci siamo dati è quello di far capire ai ragazzi che bisogna passare da “io” a “noi”», ha spiegato Bottegal, affiancato in questa esperienza dal vice Lido Incardona e da Domenico Di Giacomo e Giorgio Ippolito, comandanti delle “compagnie” che hanno ripreso i nomi delle palazzine dell’ex caserma, la Caimi e la Montiglio.

Il piovasco di ieri pomeriggio non ha fermato l’attività, che ha visto i ragazzi gareggiare nel tiro a segno con fucili “laser” e su un percorso atletico. Poi, quando è tornato il sereno, è arrivato anche il presidente nazionale Ana, che ha potuto toccare con mano la riuscita del campo “Cent’anni in cammino con l’Italia”.

Nei prossimi giorni i ragazzi trascorreranno anche una giornata al Settimo alpini, a Belluno, dove vedranno da vicino la vita militare e verranno istruiti nel montaggio delle tende che utilizzeranno, tra sabato e domenica, per pernottare sul monte Grappa, all’ex base Nato del Forcelletto. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi