Opere e strategie per il Nevegal, nasce un accordo tra sette enti

Già elencati i primi obiettivi, dal laghetto artificiale al collegamento in quota tra Belluno e Limana

BELLUNO. Quattro Comuni, due Unioni montane e la Provincia insieme per lo sviluppo turistico della dorsale del Nevegal. È in corso di elaborazione un accordo di programma tra gli enti locali più direttamente interessati all’area delle Prealpi, con l’obiettivo di siglare una collaborazione finalizzata alla realizzazione di opere pubbliche utili a favorire lo sviluppo locale dell’area del Nevegal, almeno tra Quantin e Valmorel, ma tra gli enti coinvolti c’è anche Borgo Valbelluna.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Esorcismo al Santuario di Monte Berico: il racconto dei protagonisti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi