Agordo, gli investimenti per lo stadio: tribune coperte e gli atleti entreranno con il badge

Le novità sono state annunciate dall’amministrazione nell’ultimo consiglio comunale. Si cercano le risorse per coprire le gradinate

AGORDO. Gli atleti entreranno all’Ivano Dorigo di Agordo con un bagde, mentre, se si troveranno i soldi per finanziare il progetto elaborato, nel prossimo futuro gli spettatori siederanno su una tribuna coperta. Ci sono novità per lo stadio di calcio e atletica. Le ha annunciate l’assessore comunale allo sport di Agordo, Cristina Bien, nel corso del consiglio comunale di giovedì sera.

Il badge

Nell’ultima variazione di bilancio, la giunta ha stanziato 2 mila euro per predisporre il sistema che consentirà di leggere il badge, cioè una tessera di cui dovranno essere muniti quanti vogliono utilizzare l’impianto sportivo per allenamenti personali. «Lo stadio e la pista di atletica – ha spiegato l’assessore Bien – sono molto utilizzati e lo sono durante tutta la giornata. Ho visto gente correre anche di notte. Tutto ciò ci fa molto piacere perché nel vedere che un’infrastruttura sportiva comunale viene usata dà soddisfazione, tuttavia è necessario tener conto della questione sicurezza».

Con l’accesso libero all’impianto, infatti, è difficile verificare chi entra e soprattutto accorgersi di eventuali infortuni che possono accadere agli atleti. «Il problema è semplice» ha detto Bien «se uno dovesse farsi male o sentirsi male, magari privo di visita medica di idoneità sportiva, i successivi controlli del caso coinvolgeranno il presidente della società che gestisce (l’Us Agordina, ndr). Per evitare spiacevoli inconvenienti, abbiamo deciso di dotare l’impianto di un sistema di accesso regolato. Chi vorrà entrare allo stadio per allenarsi potrà continuare a farlo in libertà, ma dovrà essere munito di un tesserino che gli verrà rilasciato dalla società di appartenenza quando si iscriverà alla stessa consegnando il certificato di idoneità alla pratica sportiva».

I lavori

Sempre durante il consiglio, Bien ha spiegato che verranno investiti altri 65 mila euro per completare i lavori all’Ivano Dorigo iniziati lo scorso anno. «Si tratta di 45 mila euro per lavori» ha precisato «e altri 20 mila per somme a disposizione. Andremo a realizzare un secondo locale accessorio per le necessità delle società sportive accanto a quello interrato da 60 metri quadrati già realizzato. Anche questo avrà la stessa superficie: al momento realizzeremo solo lo scheletro, poi, un po’ alla volta, andremo a completarlo. Con la cifra stanziata faremo inoltre delle rifiniture ai lavori fatti nel corso dell’ultimo anno, in primis la realizzazione delle caditoie».

La copertura delle tribune

Altra novità annunciata da Bien è l’avvenuta redazione del progetto, ad opera dell’ingegner De Lotto dello studio MTD, per la copertura della tribuna dello stadio. «Un’idea», spiega Bien, «nata dal confronto con l’Atletica Agordina e con la federazione. Quello di Agordo è uno dei migliori impianti della provincia a detta di chi lo frequenta. Se si vuole ospitare eventi di atletica a livello nazionale, serve però una tribuna coperta. Quella prevista dal progetto, che ammonta a 300 mila euro, è in acciaio e, oltre a permettere lo svolgimento di tali eventi, proteggerebbe la tribuna dalle infiltrazioni d’acqua».

«Ora serve trovare i soldi per concretizzare l’intervento. Con uno studio di fattibilità in mano», conclude l’assessore Bien, «possiamo andare alla ricerca di finanziamenti a valere su vari bandi per migliorare un’infrastruttura che ha valenza comprensoriale: qui giocano e si allenano atleti provenienti non solo da Agordo, ma da tutta la vallata, dalla Conca, dalla Val Biois e anche dall’Alto Cordevole».

Video del giorno

Barattin, Soccorso Alpino: non sottovalutate la montagna, chi sbaglia paga. Anche i soccorsi

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi