Green pass necessario per mangiare in mensa. Le ditte bellunesi si organizzano con il pranzo al sacco

Mensa aziendale con tutte le precauzioni necessarie

Riaprono le fabbriche, pasti all’esterno per chi non ha il certificato. Bona (Fiom Cgil): «Bisogna garantire sicurezza e dignità per tutti»

BELLUNO. Lunedì il grande rientro in fabbrica. Con una novità: l’obbligo del green pass per accedere alla mensa. Chi non è vaccinato o non è coperto dalla recente guarigione deve sottoporsi a un tampone ogni 48 ore, a spese proprie. Pena: restare fuori. Agosto non ha aiutato a digerire la novità, molte aziende sono in difficoltà e in queste ore si moltiplicano gli incontri con il sindacato per decidere le soluzioni meno drastiche.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi