Schianto frontale in auto, muore a 24 anni. Era arrivato dall’Argentina con la sorella

Ernesto Tessaro abitava a Sorazen. L’incidente attorno alle 4 del mattino: ha perso il controllo e invaso la corsia opposta

CESIOMAGGIORE. L’auto che sbanda, invade la corsia opposta e il drammatico scontro frontale. Un incidente che costa al vita al 24 enne Ernesto Tessaro di Soranzen, mentre l’altro conducente coinvolto, uno straniero residente nel Feltrino ha riportato lesioni che hanno richiesto il ricovero nel reparto di ortopedia dell’ospedale di Belluno. L’incidente è avvenuto ieri alle 4,40 quando era ancora buio. Lo schianto è avvenuto è avvenuto in località Molinello, al chilometro 3 della Sp1 Madonna del Piave, nel tratto nel comune di Borgo Valbelluna. Il giovane cesiolino ha perso la vita sul colpo.

Ernesto stava probabilmente tornando a casa dopo la serata trascorsa con gli amici. Una manovra errata, o forse un colpo di sonno e la sua Alfa Mito all’uscita da una curva invade l’altra corsia, dove in quel momento sta sopraggiungendo una Volkswagen Golf condotta da un cittadino marocchino che non riesce a evitare il violentissimo impatto frontale. I due veicoli recano pesanti i segni dell’impatto.

Scattano i soccorsi con l’ambulanza inviata dal pronto soccorso dell’ospedale di Feltre, i vigili del fuoco del disccamento di Feltre e i carabinieri che inviano due pattuglie delle stazioni di Santa Giustina e Borgo Valbelluna. Ai soccorritori appare la situazione in tutta la sua drammaticità. I vigili del fuoco estraggono con la massima cautela gli occupanti delle due auto e purtroppo ci si rende conto che Tessaro non risponde alle sollecitazioni dei sanitari. Inutili tutti i tentativi. Dolorante, ma cosciente il conducente della Volkswagen Golf, che viene caricato sull’ambulanza e trasferito all’ospedale di Belluno, dove, dopo essere stato visitato al pronto soccorso viene poi ricoverato nel reparto di ortopedia. Per lui è stata accertata la frattura di un femore oltre al politrauma provocato dalla carambola.

La dinamica dell’impatto sembra piuttosto chiara: è proprio l’Alfa Romeo Mito di Ernesto Tessaro a sbandare invadendo l’altra corsia di marcia. All’uscita della cura la sua auto ha proseguito per la tangente, apparentemente senza controllo. Ecco perché il colpo di sonno è un’ipotesi presa seriamente in considerazione. I veicoli sono stati posto sotto sequestro e ora toccherà al magistrato incaricato decidere se accontentarsi dell’ispezione esterna della salma oppure disporre l’autopsia per avere risultati più approfonditi sulle cause del decesso e poter valutare le cause dell’impatto.

Ernesto Tessaro lascia una sorellae gli zii Carmen e Gianni con i quali viveva a Soranzen, e il resto della famiglia, compresi i genitori, in Argentina, da dove era partito alla volta di Cesiomaggiore dieci anni fa.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/9, Castelli: "Ecco quanto metteremo contro il caro bollette e i ristori in arrivo"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi