Contenuto riservato agli abbonati

Quero, ronde e telecamere ma i malviventi sono ancora in paese

Martedì alcuni residenti si sono trovati i ladri vicino a casa. E ieri pomeriggio segnalati due furti in abitazione a Fonzaso

QUERO. Anche Quero, dopo Mellame e Rivai, si è attrezzata con le ronde per constrastare l’azione dei ladri, che nei giorni scorsi hanno compiuto una serie di furti in paese. Piccoli gruppi di cittadini si sono infatti spostati martedì notte tra le vie del centro cittadino e dell’immediata periferia per captare possibili movimenti sospetti e segnalarli alle forze dell’ordine, aggiungendosi così a chi è rimasto nella propria abitazione, sveglio dietro le finestre. Un avvistamento, in particolare ha mandato in fibrillazione i residenti, quando alcuni paesani si sono trovati i ladri a pochi passi dalla porta di casa e hanno chiesto aiuto trovando la collaborazione dei vicini.

Un altro fatto fa però ben sperare: il sistema di videosorveglianza che monitora vari luoghi del territorio di Quero Vas ha catturato gli spostamenti della banda. Tutto il materiale utile è stato consegnato ai carabinieri, che ora proseguono con le indagini.

Intanto ieri pomeriggio l’allarme si è acceso anche a Fonzaso: segnalati due furti compiuti in abitazione in via Nogare e in via Arsiè. Il tam tam social allerta i residenti a fare attenzione.

LA SOLIDARIETA’AL PRIMO POSTO

Pioveva l’altro ieri ed era particolarmente buio. Delle condizioni ideali per chi deve mettere a segno qualche furto o muoversi con discrezione. Ed ecco però, che in mezzo ad un’amara storia di cronaca, emerge pure un atto di solidarietà, come quello compiuto da Silvano Susanetto, presidente della locale associazione dei donatori di sangue.

In piena notte dei paesani si sono trovati con i ladri a due passi dalla porta di casa, lungo i campi in via per Schievenin e hanno bussato alla sua porta, chiedendo aiuto. Silvano ha aperto e non ha esitato ad uscire per dare loro una mano.

«Ho fatto solo quello che andava fatto» dice Susanetto, «e così siamo andati insieme in giro per vedere se riuscivamo ad avvistare i ladri. Siamo scesi a San Valentino e dopo di noi si sono aggiunte anche altre persone, che nel frattempo perlustravano Quero, oltre ai Carabinieri. Non siamo riusciti più a vederli e chissà dove erano andati. Potevano essersi spostati ovunque. L’allerta e la tensione tra noi cittadini è massima».

E i prossimi giorni non saranno probabilmente diversi dai precedenti. Chiamare il 112 è fondamentale per Susanetto, ma anche l’azione dei cittadini. «Se un volontario gira il paese per conto proprio e vede qualcosa nei campi, ad esempio, ben venga: se nessuno si muove da casa nessuno vede nulla e non si risolve niente. Aiutarsi ora è importante».

LA POLITICA HA DELUSO

«Quello che più dispiace a noi queresi» sottolinea Susanetto, «è l’atteggiamento della politica in vicende di questo tipo, non solo nei nostri confronti, ma anche verso il lavoro dei Carabinieri. La gente è delusa e amareggiata, perché sa già che anche se un ladro venisse colto in flagrante e arrestato, il giorno dopo sarebbe già libero, vanificando gli sforzi di tutti. Chi ruba, invece, deve finire in carcere, senza discutere. La legge non tutela noi cittadini e nemmeno il lavoro delle forze dell’ordine, che rischiano di prendersele e si ritrovano oltretutto con le mani legate. Non c’è giustizia».

VIDEOSORVEGLIANZA

I ladri sono stati ripresi sia dalle telecamere posizionate sul territorio che da alcuni privati. Si tratta di una banda di tre o quattro persone. L’invito del sindaco Bruno Zanolla è di mantenere la massima attenzione, con comportamenti efficienti, nel rispetto delle regole. «È importante rimanere vigili e segnalare subito cose o persone strane al 112. I malviventi si muovono molto nei campi. Abbiamo chiesto in Prefettura un rafforzamento delle presenza delle forze dell’ordine sul territorio. Abbiate fiducia. Le ronde? Non siamo contrari a priori», conclude il primo cittadino, «a patto che siano di concerto con l’azione dei carabinieri».

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi