Contenuto riservato agli abbonati

Belluno, un sorriso in ospedale: auto a misura di bimbo donate alla pediatria

BELLUNO. L’obiettivo è rendere meno dolorosa e stressante la permanenza in ospedale. Da ieri i bambini ricoverati in Pediatria all’ospedale San Martino non vedranno più barelle e sedie a rotelle quando dovranno andare a fare radiografie, esami o nei casi più impegnativi finire in sala operatoria: ci andranno a bordo di una mini 500 e di un mini fuoristrada elettrici, che sono stati donati al reparto da un gruppo di appassionati di Harley Davidson.

Il Gruppo Bell1, infatti, da due anni voleva fare qualcosa per i piccoli ricoverati. Ne ha parlato con la responsabile delle infermiere Marilisa Celato e ieri la donazione si è concretizzata. Oltre ai due veicoli elettrici, sono stati regalati anche tre sterilizzatori per i biberon dei neonati. «Così sono coperte tutte le fasce di età dei nostri piccoli pazienti», ha sorriso il primario di Pediatria, Stefano Marzini.

«Un grande segno di attenzione per il nostro reparto», ha evidenziato il direttore generale dell’Ulss 1 Dolomiti, Maria Grazia Carraro, ringraziando i bikers. Ha parlato invece di «spirito di solidarietà» l’assessore regionale Gianpaolo Bottacin.

«Da tempo volevamo fare qualcosa per i bambini ricoverati», ha illustrato invece il responsabile del Gruppo Bell1, Paolo Viel. «Speriamo che anche momenti non semplici, come essere in ospedale, diventino così meno pesanti per i piccoli». Due anni fa Paolo Viel, Fabio Mazzucco, Andrea de Biasi, Florio Casagrande e Ugo De Col arrivarono a bordo delle loro Harley Davidson nel cortile della Pediatria, per portare alcuni doni ai bambini per Natale. L’Ulss li attende anche quest’anno.

Video del giorno

Belluno, ecco come funziona il visore che permette ai ciechi di leggere

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi