Festa di chiusura per Rad Race Due ruote a misura di turismo

FELTRE

Città in festa per l’arrivo della corsa cicloturistica Tour de Friends, al termine di quattro giorni passati a pedalare lungo i più spettacolari percorsi delle Dolomiti. Oltre 420 chilometri percorsi da 250 partecipanti provenienti da dodici Paesi che sono stati accolti ieri dagli applausi dei feltrini nel clima festoso del centro pieno di gente, tra appassionati, curiosi, accompagnatori e qualche fumogeno.


È’ stato un bel successo per la manifestazione ideata da Rad Race e tornata per il terzo anno a Feltre, con grande eco anche sui social. «Tutte le destinazioni sono state entusiaste. Un’atmosfera bellissima», commenta Isidoro De Bortoli, ideatore del Tour de Friends e referente per l’organizzazione. «Ringrazio Rad Race; gli sponsor; i Comuni di tappa (quindi Pedavena, San Martino di Castrozza, San Vito di Cadore, Vittorio Veneto e Feltre); chi ha organizzato i check point (le Pro loco di Rivamonte, Fiera di Primiero, Soverzene, Guia, Melere, Chies d’Alpago e il gruppo di San Boldo). Grazie anche al consorzio Dolomiti Prealpi, a Gianpietro Slongo del Giro delle mura, il cui supporto è sempre fondamentale, al quartiere Castello per la festa finale, all’amministrazione», aggiunge.

«Magari torneremo, chi lo sa, lo decideremo nel prossimo mese», rilancia de Bortoli. «È stata una scommessa stravinta grazie al supporto dei territorio, che rimane nel cuore. È una cartolina che i partecipanti si portano a casa». Una manifestazione di questo tipo è anche un formidabile veicolo promozionale: «Sono tutti stranieri che vengono a Feltre e in provincia, vedono com’è e poi tornano anche con la famiglia», dice il sindaco Paolo Perenzin. «Un ringraziamento alla Provincia e al Fondo di confine che hanno sostenuto la manifestazione con un contributo di 20 mila euro». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Barattin, Soccorso Alpino: non sottovalutate la montagna, chi sbaglia paga. Anche i soccorsi

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi