Contenuto riservato agli abbonati

Boom occhialeria ma la manodopera è insufficiente: patto tra sindacati e imprenditori per il futuro

C’è posto per 500 addetti: «Servono formazione e infrastrutture per attirare i giovani»

BELLUNO. Si sta confermando la crescita del 20% nelle occhialerie bellunesi (e non solo). Tante aziende cercano lavoratori ma non li trovano; c’è chi ipotizza, al momento, una necessità di almeno 500 persone. Ed ecco che gran parte degli impianti sono costretti allo straordinario. È in questo contesto che matura il Patto territoriale per l’occhialeria, che rappresenta qualcosa di unico e di innovativo a livello nazionale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

A Chioggia il museo sui fratelli Ballarin, assi del Grande Torino. La tragedia di Superga

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi