Contenuto riservato agli abbonati

Strage di lucci nel lago di Calalzo svuotato. Morto l’esemplare da record

Giacobbi del bacino 4: «Troppo rapido il calo del livello delle acque». Le lenze cadorine contestano il danno al turismo legato alle attività di pesca

CALALZOLa laminazione miete vittime sul lago di Centro Cadore. Con l’abbassamento delle acque del lago i pescatori del bacino di pesca 4 di Calalzo registrano una morìa di pesci, soprattutto lucci, anche di grandi dimensioni e da vero e prloprio record. Un effetto mai avvenuto in passato tanto che la preoccupazione tra i pescatori è tanta.

«La morìa di pesci generata di questi tempi dalla laminazione non rappresenta una novità ma ha sempre interessato esemplari di piccole dimensioni e di varie specie», spiega il presidente del bacino 4 Giuseppe Giacobbi, «questa volta siamo in presenza di un fatto tanto nuovo quanto grave.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

A Chioggia il museo sui fratelli Ballarin, assi del Grande Torino. La tragedia di Superga

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi