Contenuto riservato agli abbonati

Festa del fagiolo salvata dall’oblio: «Ma organizzare è troppo difficile»

Faoro della Pro loco duro con Unione montana e Ulss «Nessuna chiarezza sulle regole anti Covid, grazie all’Unpli»

LAMON. L’obiettivo principale era salvare la Festa del Fagiolo Igp dall’oblio e ieri il risultato è stato raggiunto con la vendita di prodotto fresco e secco – andata tutto sommato bene – e il mercatino che ha animato le vie principali di Lamon.

Ma a margine della giornata sull’altopiano c’è la dura protesta del presidente della Pro loco di Lamon, Ruben Faoro, che ha pianificato e coordinato l’attività di una sessantina di volontari tra volontari e protezione civile in un clima di grande incertezza per la mancanza di direttive certe e univoche da parte dei diversi enti sulla gestione delle prescrizioni anti Covid.

La

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi