Un centinaio di visitatori alla sorgente del Tegorzo

QUERO VAS

Un centinaio di persone hanno preso parte domenica alla visita guidata che ha segnato la riapertura al pubblico della sorgente del Tegorzo di Quero. L’iniziativa è stata resa possibile grazie al Comitato San Valentino di Quero e al Bar-H di Schievenin. È stata un’occasione per scoprire uno degli impianti più importanti e significativi del bacino gestito da Alto Trevigiano Servizi, società di servizio idrico integrato che conta cinquantadue Comuni soci. Costruito nei primi anni Trenta del secolo scorso, l’acquedotto di Schievenin conserva la storica funzione di rifornire di acqua potabile un territorio vastissimo, in particolare la provincia di Treviso.


Le visite alla sorgente, gestite dal personale Ats, sono rivolte ad associazioni e scolaresche. Un viaggio per ammirare le fratture della roccia da cui scaturisce l’acqua, le conche formatesi all’interno dell’opera di presa e, in generale, capire come funziona il prelievo di acqua da una fonte naturale. Il sito si trova in una zona censita all’interno della Rete Natura 2000. Si tratta in sintesi di una sorgente di origine carsica, collocata a sinistra dell’omonimo torrente Tegorzo e alla base del versante nordest del Sasso delle Capre (Massiccio del Grappa).

L’acqua scaturisce da una fenditura sulla roccia lunga una ventina di metri. «Il servizio idrico non è sempre stato scontato» spiega il presidente di Ats Fabio Vettori, «ma è una conquista avvenuta nel tempo e che nel tempo si è riorganizzata, ramificata, fino a diventare sempre più efficiente e tecnologicamente avanzatissima. Il tutto grazie anche alla preparazione del nostro personale. Questo è il concetto che vogliamo trasmettere alle nuove generazioni e non solo attraverso visite guidate alla sorgente Tegorzo». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Esorcismo al Santuario di Monte Berico: il racconto dei protagonisti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi