Contenuto riservato agli abbonati

Dalle eroine della Resistenza alla cultura: «Ecco 130 donne alle quali dedicare una via a Belluno»

Il gruppo “Non una di meno” proporrà ai sindaci di intitolare strade e aree pubbliche alle bellunesi che hanno fatto la storia

BELLUNO. Centotrenta nomi di donna meritevoli di essere ricordate nella toponomastica dei comuni bellunesi. Parlando delle “quote rosa” si hanno opinioni differenti: c’è chi ritiene che l’applicazione di questa regola sia discriminante e chi, invece, pensa che sia ancora necessario farne uso nella politica, nel lavoro, nelle retribuzioni, nell’organizzazione di festival e convegni.

Ma al di là di decidere se sia giusta l’una o l’altra opinione, quello che è certo è che nella toponomastica la legge delle “quote rosa” non è mai stata applicata.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

A Chioggia il museo sui fratelli Ballarin, assi del Grande Torino. La tragedia di Superga

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi