In diecimila a Villa Patt nel segno dell’agricoltura

Pro loco soddisfatta della risposta del pubblico alla mostra del fine settimana Sugli scudi i formaggi di malga con il concorso dei prodotti agordini e provinciali

SEDICO

Oltre diecimila visitatori: è la stima tracciata dalla Pro loco Sedico dell’affluenza a Villa Patt nel fine settimana per la quarantaduesima mostra mercato “Colori, sapori e profumi d’autunno”.


«La mostra mercato ha avuto successo», commenta soddisfatto il presidente della Pro loco, Claudio Mezzavilla, «perché c’è stato un gran numero di visitatori: crediamo oltre i 10 mila».

Assieme al ricco mercatino di hobbistica e artigianato, ha tenuto banco la quinta rassegna del cavallo Haflinger e del cavallo Noriker curata da Ara Veneto e Anachrai. Tra i momenti più partecipati, poi, la cena del sabato organizzata dal gruppo ricreativo Longano, dal gruppo Roe e dal principato di Roe Basse.

«Ringraziamo la Regione, il Comune e la Provincia, Ara Veneto, Anachrai nazionale, Patrik Cadonego, protezione civile fanti di Sospirolo, associazione Vola, vigili di Sedico e gruppi di volontariato, i collaboratori e i consiglieri della Pro loco», aggiunge Mezzavilla.

C’era grande attesa, però, soprattutto per la rassegna dei formaggi di malga agordini e bellunesi promossa da Coldiretti Belluno assieme alla Strada dei formaggi e dei sapori.

La trentacinquesima edizione della rassegna dei formaggi di malga dell’Agordino ha incoronato vincitrice l’azienda agricola Ezio Dorigo di Rocca Pietore con il suo formaggio proveniente dalla malga Laste. Al secondo posto malga Cherz (della società cooperativa agricola Latteria di Livinallongo), al terzo malga Valles Alto (dell’azienda agricola Nicola Pescosta di Falcade). Il concorso dedicato ai formaggi di malga della provincia, invece, ha visto imporsi il prodotto della malga Celado (azienda agricola Andrea Della Lucia di Arsié) davanti a malga Canidi (fattoria Bepi Zumelle, a Mel di Borgo Valbelluna) e malga Casera dei boschi (società San Giorgio di Pedavena). Alla rassegna hanno preso parte anche i formaggi prodotti nelle malghe Campon (azienda agricola Roberto Giacometti di Fonzaso), Ciauta (società Kaguro di Vodo di Cadore), Vette Grandi (azienda San Giorgio, a Sovramonte), Garda (azienda Cindy Zannin, a Lentiai di Borgo Valbelluna), Pramper (Federico Dai Prà, Forno di Val di Zoldo), Le Buse (Falcade), Campet (La Gemma, Pedavena), Erera (Novella De Boni, Cesiomaggiore), Stia (Valentino De Martin, Canale d’Agordo), Pien de Vacia (René Spada, Selva di Cadore) e Coro (Le Vaccate, Fregona).

Nel corso della mostra mercato d’autunno c’è stato anche modo di conoscere un nuovo prodotto della Beer firm Dolomiti di Belluno: la birra del Cammino sospirolese. «Si tratta di un prodotto che abbiamo voluto abbinare al marchio del Cammino», spiega il titolare, Lucio Vallata, «per sostenere l’iniziativa: una percentuale del ricavato delle vendite di questa birra, che è prodotta con la resina, verrà destinata alla manutenzione e realizzazione di nuova segnaletica per i sentieri di Sospirolo».

Domenica, per favorire l’afflusso a Villa Patt e alleggerire il traffico, è stato garantito un servizio di navette dai parcheggi di Luxottica. Sempre domenica c’è stato spazio anche per un convegno organizzato da Api Dolomiti, abbinato ad un incontro tecnico promosso dalla stessa associazione bellunese. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi