Raid a Bressanone: lunedì davanti al giudice l’agordino arrestato

bressanone

Verrà celebrata con tutta probabilità lunedì, a Bolzano, l’udienza di convalida dell’arresto del ventenne agordino che tra mercoledì sera e giovedì mattina ha seminato lo scompiglio in mezza Val d’Isarco, finendo arrestato dai carabinieri della compagnia di Bressanone.


Il giovane, finito in manette dopo un inseguimento – il secondo in una manciata di ore – concluso con lo speronamento di una “gazzella” dei carabinieri e il ferimento di un militare, era stato arrestato per i reati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. E una volta informato il pubblico ministero, era stato trasferito al carcere di Bolzano.

L’auto su cui scappava era stata rubata nella prima mattina di giovedì a Bressanone e il ventenne agordino, al momento dell’arresto, aveva addosso una quindicina di grammi di hashish. Gli sono stati contestati anche i reati di danneggiamento aggravato, detenzione di droga ai fini di spaccio, rifiuto dell’accertamento per le sostanze stupefacenti nonché oltre alla sanzione amministrativa per guida senza patente diverse altre contestazioni per violazioni delle norme sulla circolazione stradale

Solo poche ore prima, alle tre di notte, era uscito dalla caserma dei carabinieri dove era stato denunciato a piede libero e dove gli era stato sequestrato altro stupefacente. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi