I Comuni agordini si alleano per trovare una tesoreria

Gli istituti di credito snobbano la gestione finanziaria per conto degli enti locali Otto amministrazioni provano a fare squadra per essere più appetibili

AGORDINO

Cercare di fare massa per diventare più appetibili agli occhi degli istituti di credito.


È quello che stanno provando a fare otto Comuni agordini in vista dell’affidamento del servizio di tesoreria. Quello, cioè, che consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell’ente locale e finalizzate in particolare alla riscossione delle entrate, al pagamento delle spese, alla custodia di titoli e valori e agli adempimenti connessi previsti dalla legge, dallo statuto, dai regolamenti dell’ente o da norme pattizie.

I Comuni di Alleghe, Cencenighe, Colle Santa Lucia, Livinallongo, Rocca Pietore, San Tomaso, Vallada e Voltago, attraverso una delibera che verrà approvata nei vari consigli comunali (ad Alleghe e San Tomaso nelle sedute convocate rispettivamente mercoledì e giovedì alle 20), daranno l’incarico al Comune di Colle Santa Lucia affinché faccia un bando per affidare il servizio. Ma la strada non sembra in discesa.

«Speriamo che l’esito sia positivo», dice il sindaco di Vallada, Fabio Luchetta, «la cosa, però, non è scontata. Nel tempo, infatti, sono cambiate le cose: prima le giacenze dei Comuni erano gestite direttamente dagli istituti di credito, mentre ora se ne occupa la Banca d’Italia. L’istituto di credito, quindi, ha meno interesse nello svolgere il servizio di tesoreria ed è anche più difficile che, nel caso, decida di svolgerlo, offra condizioni interessanti ai Comuni».

«Anni fa», continua Luchetta, «a Vallada eravamo riusciti a inserire far le condizioni del servizio anche l’apertura di uno sportello Unicredit in paese per due mezze giornate a settimana. Oppure i Comuni riuscivano a maturare degli interessi, cosa che, oggi, è molto difficile: si rischia di avere solo costi».

Un servizio di tesoreria, tuttavia, ci deve essere. Per questo gli otto Comuni hanno provato a mettersi assieme per cercare di convincere degli istituti di credito a partecipare al futuro bando.

«Quando il Comune di Vallada assieme agli altri sette», prosegue Luchetta, «ha chiesto ad Unicredit la proroga del precedente contratto per il servizio di tesoreria, ha ricevuto un diniego. Avevamo chiesto una proroga alle stesse condizioni, ma ci era stata negata ed è stato necessario fare un bando».

Oltre alla discussione sul servizio di tesoreria, mercoledì ad Alleghe si parlerà anche della quinta variazione al bilancio di previsione 2021-23, della modifica del piano degli investimenti 2021 e dell’applicazione dell’avanzo di amministrazione 2020.

A San Tomaso, invece, giovedì verrà ratificata la delibera di giunta 55 del 10 giugno scorso relativa a una variazione d’urgenza al bilancio di previsione e verrà nominato l’organo di revisione economico-finanziaria per il triennio 2021-24. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi